A Gianfranco Bianco il premio Monte Rosa del CAI Magugnaga

Il premio è stato assegnato al redattore della Rai di Torino perchè ha contribuito alla conoscenza e alla valorizzazione del territorio del Monte Rosa a livello nazionale

Gianfranco Bianco

«Con i suoi esemplari reportage ha sempre valorizzato il Monte Rosa promuovendone la conoscenza del territorio a livello nazionale»: con questa motivazione il Cai Macugnaga ha assegnato al redattore della sede giornalistica Rai di Torino Gianfranco Bianco la seconda edizione del premio «Monte Rosa».

Una targa con un cristallo di quarzo gli verrà consegnata sabato nel corso di una serata (inizio previsto alle 21) alla Kongresshaus, con l'intervento del presidente del Cai locale, Flavio Violatto, e del sindaco di Macugnaga Stefano Corsi.

Gianfranco Bianco presenterà alcuni dei servizi televisivi da lui effettuati nel corso degli ultimi decenni, attinenti al Monte Rosa, fra cui quelli relativi al lago Effimero, al centenario della salita di Achille Ratti (Papa Pio XI) e alla diretta trasmessa da Rai 1 dalla capanna Margherita alla fine degli Anni Ottanta. Inoltre si parlerà di un reportage effettuato vent'anni fa nell'ambito del «Camminaitalia».

La seconda parte della serata sarà invece dedicata a Oliviero Elli, un alpinista milanese che nel 1953 ha compiuto la prima invernale della parete Est del Monte Rosa insieme a Emilio Amosso. Elli rievocherà quell'impresa durata tre giorni e conclusa nella bufera con l'amputazione di mani e piedi a Emilio Amosso. Inoltre porterà la piccozza e i ramponi utilizzati 61 anni fa per depositarli al museo del contrabbando e della montagna di frazione Staffa.

Fonte: La Stampa

Segnala questo articolo su:


Torna indietro