Alpinismo Giovanile delle Sezioni CAI di Alessandria, Novi Ligure, Ovada e Tortona, in oltre 50 nel Parco Naturale di Capanne di Marcarolo

Doppia escursione per i ragazzi il 12 marzo 2017: i piccoli del corso base sono andati "sulle tracce del lupo" a a Colla della Lavezzara, i grandi dell'avanzato sul sentiero naturalistico dei laghi del Gorzente.

I piccoli protagonisti del corso base

15 marzo 2017 - Domenica scorsa si è svolta la seconda uscita del Corso intersezionale di Alpinismo Giovanile delle sezioni CAI di Alessandria, Novi Ligure, Ovada e Tortona.
Oltre 50 tra ragazze, ragazzi e Accompagnatori hanno preso parte a due distinte escursioni all'interno del territorio del Parco Naturale di Capanne di Marcarolo svoltesi sotto una bella giornata di sole. Oltre a loro, una dozzina di nuovi amici, provenienti da tutte le quattro sezioni, pronti ad imbarcarsi in questa meravigliosa avventura intrapprendendo il percorso per diventare accompagnatori.

I ragazzi del corso base "Sulle tracce del lupo", accompagnati da Germano Ferrando, Guardia Parco delle Capanne di Marcarolo, partendo dalla località "i Foi", hanno imboccato il sentiero 408, in direzione est, per poi salire a Colla della Lavezzara; hanno fatto pausa nei pressi di Cascina Menta, dove hanno potuto ammirare i bellissimi fiori di zafferano (specie botanica protetta). Durante il percorso i ragazzi hanno potuto osservare le "fatte" di lupo, volpe e faina, e, attraverso queste "leggere", quello che i predatori avevano mangiato. Questo grazie alla disponibilità del Guardia Parco ed alla sua straordinaria competenza nello spiegare a tutti le meraviglie del luogo.

Seconda uscita dell'anno anche per i giovani alpinisti del corso intersezionale avanzato "Dimensione avventura". Meta lo splendido sentiero naturalistico dei laghi del Gorzente curato dalla Sezione CAI di Genova Bolzaneto. Durante il percorso ragazze e ragazzi si sono cimentati nell'individuare la direzione seguita mediante l'uso della bussola e della carta, l'esposizione dei versanti ed hanno sperimentato sul campo altri principi base dell'orientamento secondo il motto, caro all'Alpinismo Giovanile, dell'"imparare facendo".

Il “Sentiero naturalistico dei Laghi del Gorzente”, realizzato da volontari della sezione del CAI di Bolzaneto, ha inizio nella località Prou Renè, sulla strada Provinciale dei Piani di Praglia e si sviluppa lungo un percorso ad anello nell'alta valle del torrente Gorzente, toccando due dei tre laghi.
Lungo il percorso (circa 5 ore di cammino) sono individuate e segnalate da apposite targhe le varie specie arboree che si incontrano, tipiche dei boschi misti della Liguria, anche se non mancano alcune specie di conifere.
Oltre agli aspetti di interesse naturalistico, lungo il percorso si trovano luoghi e manufatti di interesse storico, tra i quali:
- la Pietra del Grano, un grande masso presso il quale nell'antichità si incontravano mercanti provenienti dalle regioni padane per scambiare grano (da cui il nome del luogo) e vino con i mercanti liguri che fornivano loro i prodotti tipici della costa (principalmente sale e olio).
- Una delle numerose neviere presenti nella zona. Si trattava più propriamente di ghiacciaie, grosse cavità, di circa 10 m di diametro e profonde 5 o 6 metri, rivestite di pietre, che, prima della diffusione dei frigoriferi, durante l'inverno venivano riempite di neve e poi ricoperte di materiale isolante (foglie secche e paglia); la neve, una volta solidificata, era tagliata in blocchi che venivano poi trasportati a Genova a dorso di mulo in apposite sacche di tela; fin dal XVII secolo si ha notizia di questi impianti, che rimasero in uso fino al 1870.
- Il Sacrario dei martiri di Passomezzano, nel luogo in cui furono uccisi alcuni partigiani sopravvissuti alla strage della Benedicta .
- Il termine della Tavola Bronzea di Polcevera. Posto a poca distanza dal punto di inizio del percorso, era uno dei cippi apposti nel 117 a.C. dai Romani per delimitare il territorio dei Liguri Langenses, a seguito dell'arbitrato dei magistrati Quinto e Marco Minucio Rufo.

Tutte le foto sulla pagina facebook "Scuola di Alpinismo Giovanile "La cordata".

Alessandro Gemme
Segreteria corso intersezionale

Segnala questo articolo su:


Torna indietro