CAI Abruzzo e Parco della Majella: un accordo per il rimborso dei soci al lavoro sui sentieri

Il parco e il gruppo Abruzzo hanno stretto un accordo che prevede il rimborso dei soci del CAI che lavoreranno sulla segnaletica e sui sentieri presenti nel territorio

24 febbraio 2020 - Il parco della Majella e il gruppo Abruzzo del Club Alpino Italiano hanno stretto un accordo che prevede il rimborso dei soci delle sezioni abruzzesi del CAI che lavoreranno sulla segnaletica e sui sentieri presenti nel territorio. “A testimonianza delle azioni messe in campo per rispondere alla richieste delle amministrazioni comunali per interventi di manutenzione necessari al fine di agevolare i flussi turistici ed incentivare lo sviluppo socio-economico dei territori montani”, si può leggere nel comunicato stampa ufficiale. 

L’accordo è stato siglato durante l’incontro “Inmontagna Informati” un evento a Caramanico Terme, in provincia di Pescara. Una serata organizzata nell’ambito della quinta edizione di “Majella, l’altra neve”.  Tra i relatori dell’evento il presidente regionale del soccorso alpino Daniele Perilli. Quest’ultimo ha sottolineato la necessità di un percorso comune di sensibilizzazione di coloro che affrontano la montagna senza la necessaria cognizione oggettiva e soggettiva. Allo stesso tempo, Gabriele Stamegna, Presidente del Servizio Valanghe Italiano del CAI, ha voluto rimarcare la comune visione con il Parco Nazionale della Majella. In particolare, sulla necessità di un’informazione che punti ad un processo di educazione alla sicurezza in ambiente innevato coinvolgendo vari soggetti a tutti i livelli.

L’Ente in questi anni si è adoperato in una massiccia attività di educazione ambientale volta alla sensibilizzazione del tema della sicurezza in montagna. Una corretta informazione e l'educazione per una rinnovata conoscenza dei frequentatori della montagna, saranno i temi da sviluppare in futuro insieme alle altre istituzioni ed associazioni del territorio”, spiega il direttore del parco Luciano Di Martino.

Red

Segnala questo articolo su:


Torna indietro