CAI Emilia Romagna e Toscana invitano all'escursione sulla via del Volto Santo.

Appuntamento il 16 e il 17 aprile 2016 per percorrere la variante della Via Francigena nell'Appennino Tosco emiliano, toccando la Lunigiana e la Garfagnana. Iscrizioni presso il CAI Parma.

“Andare in montagna per impararla e conoscerla, per goderla in quanto ricchissimo e stupendo universo vivente.”

Con questo spirito i Gruppi regionali CAI di Emilia Romagna e Toscana organizzano il 16 e il 17 aprile 2016 “La via del Volto Santo. Un cammino per due terre: la Lunigiana e la Garfagnana”.
La prima tappa del 16 aprile 2016 andrà da Piazza al Serchio a Castelnuovo in Garf.na (Km.18 durata 6h diff.E).
La seconda tappa del 17 aprile 2016 andrà da Castelnuovo in Garf.na a Barga (Km.20 durata 7h diff.E).
I posti disponibili sono 100, la segreteria organizzativa a cui rivolgersi per le iscrizioni è quella del CAI Parma (info, programma e contatti nel volantino scaricabile in fondo al testo).

Camminare a passo lento permette di riconciliare il corpo con l’anima e di conoscere tratti sconosciuti del territorio che sono miracolosamente rimasti integri e ricchi di storia e tradizioni. Il cammino storico della Via del Volto Santo rappresenta una variante della Via Francigena che da Pontremoli in Lunigiana raggiunge Lucca attraverso la Garfagnana anziché lungo la costa.

In dieci suggestive tappe, attraverso luoghi e atmosfere genuine, come quelle vissute dagli antichi pellegrini nel medioevo lungo il loro percorso di fede, si raggiunge “Il Volto Santo”, la statua – reliquia in legno che dal 742 viene venerata nel duomo di San Martino a Lucca. L’itinerario si svolge in parte nel Parco Nazionale dell'Appennino Tosco Emiliano, che, nell’Anno Nazionale dei Cammini, dedica particolare attenzione alla rivalutazione del patrimonio storico del territorio.

La Garfagnana, che identifica l’alta valle del fiume Serchio, ci sorprenderà con i suoi piccoli borghi, i numerosi castelli, ma anche con altri aspetti di tipo naturalistico e paesaggistico che incontreremo lungo il percorso.

Red

Segnala questo articolo su:


Torna indietro