Cai Novellara, 107 in cammino per la prevenzione del tumore al seno

In un caldo pomeriggio ottobrino, dal sole ridente e autunnale, si è svolta l'escursione “CamminaCai in Rosa”, lungo sentieri prossimali, in un gesto benefico per sé per gli altri.

Un momento della camminata

20 ottobre 2020 - Una camminata all'aria aperta, dalle basse della Rocca di Novellara, lungo sentieri urbani e campestri, è stata la modalità con la quale il Cai Novellara ha aderito, sabato scorso, al progetto OttobreRosa, che vede coinvolti, nel corso di tutto il mese, il Comune di Novellara e altre associazioni nell'organizzazione di attività dedicate alla prevenzione e informazione sul tumore al seno e alla raccolta di fondi per il reparto di oncologia femminile dell’ospedale di Guastalla.

Il bilancio è stato soddisfacente, con 107 persone condotte alla scoperta di luoghi di inaspettata bellezza, lungo un anello di circa 7 km alla portata di tutti. Il tutto con la consapevolezza che camminare fa bene al corpo (e anche allo spirito).

“CamminaCai in Rosa” (questo il nome dato all'appuntamento) ha preso il via nel centro del paese: su pista pedonale, è stata raggiunta la campagna circostante, per poi camminare su tratti arginali, carrarecce e strade al cospetto di campi arati e vigneti dai colori d’autunno, per rientrare infine in Rocca. Il percorso, completato da tutti senza difficoltà, ha permesso di scoprire angoli nascosti del territorio. La raccolta fondi a favore dell’Associazione Prevenzione Tumori di Guastalla, dal canto suo, ha raggiunto quota € 520,00.

Nel ringraziare tutti i partecipanti e le forze dell’ordine per aver condiviso il valore dell’iniziativa, il Reggente della Sottosezione Cai di Novellara, Giordano Lusuardi, ha rivordato: «Si possono percorrere tanti famosi cammini, la Via del Volto Santo, il Sentiero Italia Cai, la via Francigena per esempio. Ma se ne possono percorrere tanti altri altri, se serve, meno famosi ma più vicini e familiari. Sono quelli che partono dal cortile di casa e portano nei luoghi dove siamo nati. Sono sentieri che fanno stare bene. Curano noi e gli altri».

Red

Segnala questo articolo su:


Torna indietro