CAI Reggio Emilia, le iniziative sul sentiero dei Ducati

Il 25 febbraio alle 21:00, nella sede di via Caduti delle Reggiane 1H, il CAI Reggio Emilia presenterà le prime iniziative del 2020

Uno scatto del sentiero

21 febbraio 2020 - Il Sentiero dei Ducati è nato nel 1992 sulla base di una idea della Provincia di Reggio Emilia con la collaborazione del Club Alpino Italiano. In particolare, il progetto è nato grazie a Daniele Canossini e Giuliano Cervi, che curarono anche la prima guida. Si tratta di un percorso escursionistico in più tappe, che risale il versante reggiano della Val d'Enza seguendo l'antico confine tra i Ducati di Modena e Reggio Emilia e di Parma e Piacenza. La manutenzione e la segnatura del sentiero, negli anni, è sempre stata eseguita dal Cai reggiano, prima tramite convenzione con la Provincia e poi con i Comuni interessati.

Il 25 febbraio alle 21:00, nella sede di via Caduti delle Reggiane, il CAI Reggio Emilia presenterà le prime iniziative del 2020 sul Sentiero dei Ducati. "Per valorizzare questo bellissimo percorso - spiega Giovanni Fiori, che coordina il progetto del CAI - proponiamo un programma di 9 escursioni, un trekking a tappe che ha l'obiettivo di riscoprire angoli sconosciuti e luoghi di eccezionale interesse storico e naturalistico". I partecipanti otterranno un riconoscimento e l'iscrizione nell'Albo d'Oro dei primi 100 viandanti del Sentiero dei Ducati. Alle camminate sarà affiancato un concorso fotografico. Nel corso della serata saranno presentate interessanti immagini e video del percorso. Infine, verranno illustrati i due percorsi, per chi cammina a piedi e per i cicloescursionisti. Senza dimenticare il sito web dedicato. 

La Sezione reggiana del CAI da più di un anno si è impegnata in un progetto di rilancio e promozione di questo bellissimo percorso, che parte da Quattro Castella e arriva al Passo di Lagastrello, toccando comuni sia in territorio reggiano che in territorio parmense. Allo stesso tempo, è presente anche un percorso per i cicloescursionisti dedicato agli appassionati di mountainbike. 

Il sentiero è già collegato con il Sentiero della Libertà, che percorre la valle dell'Enza da Brescello a Cerezzola. E' possibile anche il collegamento con Reggio Emilia attraverso un tratto della Via Matildica del Volto Santo. C'è poi l'idea di studiare il proseguimento verso la Lunigiana fino a Luni. Il percorso incrocia anche il Sentiero Italia CAI.

Sono già aperte le iscrizioni per chi vuole percorrere la prima tappa, in programma domenica 1 marzo. Info: www.caireggioemilia.it.

 Red

Segnala questo articolo su:


Torna indietro