CAI Tolmezzo: riaperto il sentiero Corbellini tra passo Siera e il rifugio Fratelli De Gasperi

I lavori di ripristino sono stati effettuati da un gruppo di quattro guide alpine, che hanno lavorato in quota per più di due settimane

Foto d'epoca tratta dal libro "Il Clap, 100 anni" - CAI Tolmezzo

3 agosto 2017 - Lo storico sentiero Corbellini, in Val Pesarina, è stato riaperto dopo anni di abbandono. Il ripristino della via ferrata è avvenuto grazie alla volontà del CAI di Tolmezzo e all'interessamento della Regione e del Comitato direttivo regionale del Cai Fvg. Così, sono stati finanziati gli interventi di ripristino del sentiero, effettuati da un gruppo di quattro guide alpine, che hanno lavorato in quota per più di due settimane.

Negli anni 1934, 1935 e 1936 la sottosezione del CAI di Tolmezzo concentrò i propri sforzi nell’apertura di quello che doveva essere un percorso turistico al fine di collegare il rifugio De Gasperi (UD) al Passo Siera e Sappada (BL). Sfruttando un precedente tracciato militare viene realizzato quello che resta per parecchi anni una delle più grandi opere in Carnia fatte dopo la grande Guerra: il “Sentiero Siera” (ora Corbellini) vanta 4000m di sviluppo di cui 1200 in roccia. Grazie agli infaticabili valligiani ma soprattutto all’opera instancabile di Giovanni Cleva e Regolo Corbellini, l’ attuale sentiero Corbellini è un mirabile esempio di percorso attrezzato nel cuore delle Dolomiti Pesarine.

Il tragitto percorre dorsali a volte franose e profondi canaloni con scorci vertiginosi sulle pareti soprastanti e sui canaloni che si gettano verso la valle Pesarina. I numerosi canali attraversati durante l’inverno diventano vie di scorrimento della valanghe e causa di numerose interruzioni del tracciato. Il sentiero Corbellini a causa di questi motivi è stato chiuso per qualche anno e grazie all’opera delle Guide Alpine è stato ripristinato. Dalle difficoltà limitate resta un percorso molto suggestivo e senza dubbio da percorrere in quanto unico nel suo genere in tutto l’arco alpino.

fonte: Rifugio Fratelli De Gasperi

 

Segnala questo articolo su:


Torna indietro