CAI Valfurva, oltre 35 giovanissimi con mani e piedi sugli appigli

Dal 2 al 6 gennaio si è svolto il tradizionale corso invernale di arrampicata indoor rivolto agli alunni delle elementari e medie. I piccoli si sono esercitati sulla parete e nella sala boulder di S. Antonio Valfurva.

Bimba in azione sulla parete

7 gennaio 2020 - Oltre 35 tra bambini e ragazzi che, suddivisi in due gruppi, hanno seguito con molta attenzione le istruzioni delle guide alpine Michele Compagnoni e Paolo Confortola (con il supporto di alcuni volontari della Sezione CAI Valfurva), per poi “sommergere” con le loro mani e i loro piedi gli appigli della parete di arrampicata e dalla sala boulder del palazzetto dello sport di S. Antonio Valfurva.

Questo il bilancio dell’ormai consolidato corso di arrampicata indoor che, durante le vacanze di Natale, il CAI Valfurva organizza per i giovanissimi alunni delle elementari e delle medie della zona.

Dal 2 al 6 gennaio 2020, quindi, si sono tenute le cinque lezioni teorico-pratiche di due ore ciascuna, che hanno ottenuto un ottimo riscontro tra i partecipanti, che non vedevano l’ora di mettersi alla prova: alcuni avevano ai piedi le apposite scarpette per l’arrampicata, altri le normali scarpe da ginnastica, ma la motivazione e l’entusiasmo nell’affrontare i vari esercizi sono stati gli stessi.

“Come ogni anno, anche questa volta sono state giornate importanti per i ragazzi che, con queste prime nozioni, hanno iniziato ad apprendere le prime nozioni sull’arrampicata e sui sistemi di sicurezza che in montagna bisogna sempre conoscere prima di iniziare una qualsiasi attività”, afferma il Presidente della Sezione Luciano Bertolina.

Red

Segnala questo articolo su:


Torna indietro