CAI Vercelli, bella due giorni estiva per il gruppo di escursionismo sezionale

Il 7 e 8 luglio 2018 i 25 partecipanti hanno trascorso la due giorni sulle Alpi Liguri, salendonela cima più alta, la Punta Marguareis, m. 2.651. Domenica 22 escursione nel Vallone di Cime Bianche, minacciato da un nuovo progetto di impiani sciistici.

Un momento della due giorni

20 luglio 2018 - Sabato 7 luglio e domenica 8 luglio il numeroso gruppo di escursionismo, 25 soci partecipanti, dai 30 originari purtroppo diminuiti causa imprevisti dell'ultimo momento, si è recato, per la consueta due giorni estiva, in Valle Pesio, Parco Naturale del Marguareis, Ente di Gestione delle Aree Protette delle Alpi Marittime, per effettuare la salita alla Punta Marguareis dal Pian delle Gorre.

Sabato partenza al mattino presto dalla sede, lasciate le auto al parcheggio al Pian delle Gorre, m. 1.032, si è imboccato il sentiero verso il Rifugio Garelli al Pian del Lupo, CAI di Mondovì, m. 1.990, e in circa 3 ore di salita, 1.000 m. ca di disl. si è arrivati a destinazione per rinfrancarsi chi con una birra fresca, chi facendo ancora una passeggiata nel pianoro, e chi visitando il giardino botanico allestito nei pressi del rifugio.

Dopo la cena e il pernotto al rifugio, l'indomani la sveglia è suonata presto per poter partire intorno alle 6 e mezza alla volta della Punta Marguareis, m. 2.651, la cima più alta delle Alpi Liguri. La salita prevista è lunga, il dislivello dipende a seconda dell'itinerario che si sceglie. Si potrebbero scegliere divertenti canaloni, alcuni attrezzati di recente a mo' di ferrata, come il Canale dei Torinesi, accorciando il dislivello, oppure itinerari più ampi, come quello su cui ci si è orientati.

Dal rifugio ci si è diretti al Laghetto del Marguareis e poi all'omonima Porta a quota m. 2.298, per poi portarsi al Lago Rataira e salire al Colle del Pas, m. 2.349. Da qui si è scesi di un centinaio di metri verso la val Tanaro e poi senza arrivare alla Capanna Saracco Volante ci si è portati al Colle Palù, m. 2.486, da cui al Colle dei Savonesi e dei Torinesi, dove sboccano gli omonimi canali, e infine in cima, Punta Marguareis, m. 2.651.

Circa 1.300 m. di dislivello per una salita in ambienti davvero vari, stupende pareti dolomitiche su cui la vegetazione è riuscita a crescere e soprattutto i fiori nel pieno dei loro colori le vivacizzano. La discesa, si è svolta sul medesimo percorso di salita fino al Lago Rataira per poi imboccare un altro sentiero che ha condotto il gruppo alla Porta Sestrera, m. 2.228 e poi al Rifugio.
La discesa al Pian delle Gorre è stata lunga e nel complesso, dalla vetta, ha fatto registrare circa 2300 m. di discesa nella giornata. Complimenti a tutti, una due giorni davvero da ricordare.

Domenica 22 luglio, è la volta della salita al Bivacco Città di Mariano, m. 2.830, nel Vallone di Cime Bianche, in Val d'Ayas, in questi ultimi anni molto citato in tema di grandi interventi in montagna in quanto è stato stilato un progetto che prevede la costruzione di impianti sciistici a chiudere così la cerchia di impianti che permetterebbe il collegamento di Alagna con Cervinia.

Questo vallone è un'area tutelata in quanto presenta caratteristiche geomorfologiche che la rendono unica in questa porzione delle Alpi.
Per questo motivo, dopo la presentazione e l'approvazione del progetto da parte della Regione Valle d'Aosta, molte sono le associazioni e gli enti che si sono mossi a sua difesa, tra cui anche il Club Alpino Italiano, e in particolare la sua Commissione Tutela Ambiente Montano.
Anche noi, così, abbiamo deciso di proporre questa escursione che permetta agli amanti della Montagna di conoscere questo vallone, vivendolo e vedendo le sue rare bellezze con i propri occhi.

CAI Vercelli

Segnala questo articolo su:


Torna indietro