Collegio Nazionale Guide Alpine Italiane, Pietro Giglio è il nuovo presidente

Valdostano, presidente anche dell’Unione Valdostana Guide di Alta Montagna, Giglio ha presentato un programma elettorale composto da venti punti, tra cui l'adeguamento della Legge Quadro 6/89 alle esigenze attuali della professione.

Pietro Giglio

8 ottobre 2018 - Il Collegio Nazionale delle Guide Alpine Italiane, che riunisce 1062 guide alpine maestri di alpinismo, 133 aspiranti guida, 218 accompagnatori di media montagna e 52 guide vulcanologiche, ha un nuovo presidente. Nella seduta di giovedì 4 ottobre a Milano il Consiglio Direttivo ha eletto la Guida alpina Pietro Giglio, presidente anche dell’Unione Valdostana Guide di Alta Montagna-Collegio Professionale della Valle d’Aosta.

Il Consiglio Direttivo del CONAGAI è composto da trenta membri: i quattordici Presidenti dei Collegi regionali/provinciali italiani e un uguale numero di consiglieri eletti dalle guide alpine italiane. I restanti due membri sono il presidente della Commissione tecnica del CONAGAI e il presidente generale del Club Alpino Italiano, assente alla votazione.

Pietro Giglio è stato eletto di misura, con quindici voti a favore contro i quattordici ottenuti dal presidente uscente, la Guida alpina della Lombardia Cesare Cesa Bianchi, che si era candidato per la terza volta, dopo aver portato a termine due mandati triennali.

Il programma elettorale presentato da Pietro Giglio comprende una ventina di punti. Tra di essi il primo è l’adeguamento della Legge Quadro 6/89 (“Ordinamento della professione di guida alpina in Italia”) alle nuove esigenze della professione e alle necessità di regolamentare l’accesso in Italia di figure professionali riconosciute all’estero.

Un altro punto è il rilancio della proposta di legge, giacente in Parlamento, per inserire la professione di Guida alpina tra i lavori usuranti.

Pietro Giglio si propone inoltre di perfezionare il coordinamento tra i Collegi regionali/provinciali per sfruttare le potenzialità dei singoli collegi a vantaggio di tutta la categoria e per migliorare l’immagine della Guida alpina con un’adeguata comunicazione rivolta a tutti, anche a coloro che sono lontani dal mondo della montagna.

Infine tra le attività programmatiche figura il miglioramento del complesso rapporto con l’Unione Internazionale delle Associazioni delle Guide di Montagna (U.I.A.G.M.), di cui il CONAGAI è membro, per adeguare la piattaforma formativa alle nuove esigenze della professione. 

Come Vicepresidente e come Tesoriere sono stati proposti dal presidente, ed eletti dal Consiglio direttivo, rispettivamente la Guida alpina Martino Peterlongo, presidente del Collegio delle Guide alpine della Provincia di Trento e la Guida alpina Alberto Ieralla, presidente del Collegio Regionale delle Guide alpine del Friuli Venezia Giulia.

Comunicato Collegio Nazionale Guide Alpine Italiane

Segnala questo articolo su:


Torna indietro