Coltiva l’arte: una esposizione di Land Art sui terrazzamenti di Valstagna

Ideata da due soci della sezione CAI Dolo, l'iniziativa è permanente e può ampliarsi nel tempo, per promuovere il valore di questi luoghi. Le opere sono di legno, terracotta e ferro. Inaugurazine il 5 maggio 2019.

La locandina dell'inaugurazione

24 aprile 2019 - I terrazzamenti che sorgono sui versanti della Valbrenta (VI) negli ultimi anni sono considerati sempre più un punto di partenza per nuove iniziative: escursioni e convegni hanno iniziato a considerare l’importanza delle “masiere” per la valle, e gli abitanti sempre più le liberano dall'avanzare del bosco e mettono a coltura il terrazzamento ripulito da sterpaglie e infestanti. Allo stesso tempo a livello internazionale c’è un nuovo interesse per la costruzione in pietra a secco, che è stata dichiarata a novembre 2018 patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.

In linea con questo “ritorno alle masiere” a Valstagna domenica2 giugno, alle ore 11, si inaugura sopra i terrazzamenti della Val Verta, lungo il sentiero che da Via Mattietti si innesta nell'Alta Via del Tabacco, un’esposizione di opere di Land Art. L’iniziativa è intitolata “Coltiva l’arte”, idea di due soci della sezione CAI di Dolo, Maria Grazia Brusegan e Massimo Baldan, e ha l’obiettivo di attirare l’attenzione di escursionisti e abitanti sul valore di questi luoghi. Le opere sono state realizzate con materiali naturali (legno, terracotta, ferro) dagli artisti che hanno risposto all’invito dell’Associazione “Adotta un terrazzamento in Canale di Brenta”, e con le loro installazioni valorizzano con originalità i terrazzamenti altrimenti in abbandono, dei proprietari che li hanno concessi in uso. Le attività sono sostenute dal Gruppo CAI Terre Alte e patrocinate dalla Commissione CAI Tutela Ambiente Montano Veneto-FVG e dall’Unione Montana Valbrenta.

La mostra sarà permanente, e vista la risposta degli artisti conta di ampliarsi lungo il sentiero con nuove opere che troveranno dimora nei futuri recuperi di quei “fazzoletti di terra” narrati dal regista Taffarel.
I partecipanti all’inaugurazione avranno l’opportunità di prendere parte ad una performance intitolata  “Il colore del canto dei sassi”, visiteranno il sentiero espositivo insieme con gli artisti e gusteranno l’aperitivo di prodotti locali con musica dal vivo del gruppo Amfaïda Percussion.
L’invito degli organizzatori è aperto a tutti gli appassionati di arte e di montagna che vogliono provare un altro modo di vivere questo territorio.
Si consiglia di portare calzature adeguate per percorrere i sentieri e, poiché desideriamo che la giornata sia libera da plastica e da rifiuti, di portare un piatto e un bicchiere per gustare l’aperitivo.

Per informazioni:  
adottaunterrazzamento@gmail.com - www.adottaunterrazzamento.org - facebook Sentiero espositivo “Coltiva l’arte”.

Comunicato stampa "Adotta un terrazzamento"

Segnala questo articolo su:


Torna indietro