Commissione TAM del CAI Lombardia: incontro su "La gestione della fauna selvatica. Il caso degli ungulati"

Iscrizioni aperte per la due giorni del 30 settembre e 1 ottobre 2017: in programma incontro teorico a Gravedona ed Uniti (CO) ed escursione in valle Albano.

La locandina della due giorni

11 settembre 2017 - E' sempre una grande emozione quando, durante un'escursione in montagna, incontriamo animali selvatici, compresi in particolare gli ungulati, grandi mammiferi che l'uomo ha cacciato per millenni e che anche per questo fuggono rapidamente il nostro incontro.

Le trasformazioni del territorio alpino negli ultimi decenni, con la riduzione delle attività umane nelle terre alte, la scomparsa dei grandi predatori (che ora stanno ritornando), e la diminuzione delle attività venatorie, hanno portato ad un graduale incremento delle popolazioni di ungulati. Ormai l'incontro con cervi, caprioli e stambecchi non è più così raro per chi frequenta le montagne, pure in prossimità di centri urbani o strade.

L'incontro formativo della TAM lombarda (in programma il 30 settembre e il primo ottobre) a Gravedona ed Uniti (CO) è stato organizzato con la collaborazione dei ricercatori dell'Università dell'Insubria, che ci forniranno un quadro dello stato degli ungulati nel nostro paese e sulle nostre montagne, ci parleranno dei problemi dati da un eccessivo incremento delle popolazioni, e ci presenteranno un tema importante sia per la conservazione del territorio che della stessa fauna, ovvero la necessità di una "gestione attiva" delle popolazioni animali.

Le due giornate dedicate agli ungulati saranno organizzate come segue:
- il sabato mattina, presso il bellissimo palazzo Gallio, ci saranno gli interventi didattici
- il sabato pomeriggio è previsto il trasferimento al rifugio Sommafiume in valle Albano, e verso il tramonto si osserveranno i cervi e si potrà ascoltarne il bramito
- la domenica verrà effettuata un'escursione in aree frequentate da branchi di cervi

Nella locandina qui a fianco sono forniti i dettagli per l'iscrizione.

CRTAM CAI Lombardia

Segnala questo articolo su:


Torna indietro