"Costructive Alps": ecco i progetti finalisti del Premio di architettura alpina 2017

Selezionati 30 progetti adottano criteri di sostenibilità economici, ecologici, sociali e culturali, di cui tre italiani: a Ostana, Cles e Ponte di Legno. Premiazioni il 20 ottobre 2017.

Progetto del centro culturale di Ostana

16 marzo 2017 - La Svizzera e il Liechtenstein organizzano per la quarta volta il concorso «Constructive Alps». Saranno premiati edifici costruiti nelle Alpi che si fanno apprezzare in termini di sostenibilità. La Giuria ha selezionato 30 progetti che meglio rispondono ai criteri del concorso. Il premio consiste in una somma di 50 000 euro.

Il Premio internazionale per le ristrutturazioni e costruzioni sostenibili nelle Alpi varca dunque i confini dei singoli Stati e contribuisce all'attuazione della Convenzione delle Alpi e del Piano d'azione sul cambiamento climatico. L'iniziativa offre inoltre spunti di riflessione relativi a ristrutturazioni e nuove costruzioni
particolarmente interessanti anche dal punto di vista artistico.

Una giuria internazionale composta da rappresentanti provenienti dai Paesi dello spazio alpino ha selezionato, tra 268 contributi, 30 progetti, che sono dunque passati alla seconda fase della competizione. Si tratta di progetti che, in linea con i requisiti stabiliti dal concorso, adottano criteri di sostenibilità economici, ecologici e sociali, senza trascurare allo stesso tempo l'importanza di determinati aspetti culturali.

Nelle prossime settimane la giuria visiterà e discuterà contributi in tutto lo spazio alpino. Nei progetti in competizione sono rappresentate diverse tipologie di edifici: la scuola dell’infanzia e la scuola popolare di Brand (A), nel Vorarlberg, la casa vinicola Schmidt (B) di Wasseburg presso Lindau (D) e la Maison Commune del Lago di Aiguebelette a Nances (F).Tra i contenuti italiani selezionati si annoverano il centro culturale di Lou Pourtoun a Ostana, la nuova casa sociale per l’abitato di Caltron a Cles o ancora l’opera di ristrutturazione e ampliamento del cimitero della frazione di Pezzo a Ponte di Legno.

La giuria valuterà gli edifici nominati basandosi sui criteri di sostenibilità stabiliti, come, ad esempio, il collegamento alla rete dei trasporti pubblici e la scelta di materiali ecologici e regionali. Altri fattori determinanti saranno il valore culturale delle costruzioni e lo standard di qualità della vita che queste ultime offrono agli utenti.

La Cerimonia di premiazione si terrà il 20 ottobre 2017 nel Museo alpino di Berna, luogo da cui partirà una mostra itinerante dei contributi selezionati. A questo premio sarà dedicato un numero speciale della rivista di architettura «Hochparterre».

Per maggiori info clicca qui.

Comunicato Constructive Alps

Segnala questo articolo su:


Torna indietro