Courmayeur, Ferragosto all’insegna della salita al Gasherbrum IV del 1958

Mercoledì 14 agosto presentazione del volume edito dal CAI “Gasherbrum IV. La montagna lucente”, con le foto di Fosco Maraini, storiografo e documentarista della spedizione.

La copertina del volume

7 agosto 2019 - Lo scorso anno, 60° anniversario della storica spedizione al Gasherbrum IV del 1958, il Club alpino italiano ha pubblicato il volume fotografico “Gasherbrum IV. La montagna lucente”, basato sulle immagini di Fosco Maraini, che della spedizione fu lo storiografo e documentarista. Il libro quindi, tramite la suggestione delle foto, propone una visione degli eventi della spedizione che va oltre quella dell’illustrazione di luoghi, paesaggi e montagne in cui si svolse.

Mercoledì 14 agosto, presso la Sala della Fondazione Courmayeur in via Roma alle ore 18, il libro sarà presentato dal curatore Alessandro Giorgetta, da Gioachino Gobbi (figlio di Toni, uno dei partecipanti alla spedizione) e Arnaud Clavel (in rappresentanza della Società delle Guide di Courmayeur). Modera il giornalista Roberto Mantovani.

La spedizione al Gasherbrum IV, montagna di 7980 metri nel Karakorum, fu organizzata dal Club alpino italiano e il suo successo segnò un importante progresso nella strategia e nella tecnica alpinistica della conquista dei giganti himalayani. Tale spedizione, guidata da Riccardo Cassin, che vide Walter Bonatti e Carlo Mauri raggiungere la vetta, grazie anche allo sforzo comune di tutta la squadra, si distinse inoltre per concezione e organizzazione: fu adottata infatti una formula nuova, quella dell’alpinismo più cultura, espressi ai massimi livelli.

Nelle 128 pagine dell’opera le parole lasciano alle immagini il racconto dell’impresa. Un centinaio di scatti, anche a piena pagina, per la maggior parte di Fosco Maraini, esprimono in modo magistrale il paesaggio naturale e umano, teatro di quella esperienza.

Nei tre capitoli introduttivi Giorgetta definisce il contesto storico dell’alpinismo internazionale di quegli anni e la storia delle quattro spedizioni nazionali organizzate dal CAI dal 1954 al 1975, con un rilievo particolare, naturalmente, a quella del GIV. Il terzo capitolo vede inoltre un inedito confronto tra la figura di Fosco Maraini e quella di Mario Fantin, documentarista e fotografo della spedizione al K2 del 1954.

Il volume è acquistabile su store.cai.it

Red

Segnala questo articolo su:


Torna indietro