Cultura e avvicinamento della montagna, conoscenza delle attuali criticità e sfide ambientali, Sicurezza e prevenzione: in Campania via agli incontri "Conosciamo la TAM"

Stasera (a Piedimonte Matese e a Salerno) via alla serie di incontro organizzati dalla Commissiojne Tutela Ambiente Montano del CAI Campania nelle sedi delle Sezioni della regione.

Locandina dell'incontro di Piedimonte Matese

6 dicembre 2019 - In Campania, il mese di dicembre 2019 è all'insegna della sensibilizzazione ambientale. Coordinati dal Gruppo regionale sono in programma gli incontri tematici per riflettere su valori e criticità della montagna e le sfide legate al cambiamento climatico.
L'educazione ambientale e all'ecosostenibilità è lo strumento per la migliore tutela e conservazione di territori e cultura delle "terre alte".

In Campania ci si rivolge ai soci delle 8 Sezioni Cai con delle serate a tema organizzate nelle Sezioni, condotte dai componenti della Commissione Tam Campania.
Si inizia venerdì 6 dicembre con due appuntamenti svolti a cura degli Operatoti Tam:
- a Piedimonte Matese nella sede della Sezione Cai, alle ore 20.30;
- a Salerno nella sede della Sezione Cai, alle ore 20.30;

Il racconto sulla montagna continua venerdì 13 dicembre ad Avellino, ritrovandoci sempre nella sede della Sezione Cai, questa volta alle ore 19,00.
Ciro Teodonno, Gilda Ammaturo, Rossana Braca, Paola Daniele, Anna Pietrosanto sono i primi Operatori Tam impegnati che interverranno nelle sedi sezionali.
Per gli appuntamenti a Napoli, Cava de' Tirreni e altro, siamo in attesa di avere le date certe.

Conoscenza e tutela della montagna, dei suoi ambienti naturali e del suo patrimonio culturale sono impegni prioritari del Cai. Le proposte considerano la secolare presenza in montagna, la storia degli abitanti e della tradizione che guarda all'innovazione, avendo come base la sana identità locale e gli indirizzi nazionali con efficaci progetti guida di ampio respiro sulle Educazioni alla montagna. Di riferimento regole e autoregole espresse dal Bidecalogo in materia di ambiente e tutela del paesaggio.

La visione d'insieme di gestione ecosostenibile pone l'accento sulla Legge Quadro 394/91 delle Aree Protette e la Convenzione Europea del paesaggio con particolare riferimento alle realtà sociali economiche e produttive del territorio regionale.

L'avvicinamento escursionistico è posto dal Sentiero Italia Cai della Campania, in quanto azione strategica nazionale che interviene su percorrenza, accoglienza, cultura e tutela. Il Cai sensibilizza educa e forma. In Campania si riflette sulla frequentazione consapevole dell’ambiente e dell’interazione tra uomo e montagna.

L'esempio induce comportamenti sempre più responsabili con scelte sempre più ecosostenibili, attenti a produzione e consumo responsabili. Tra gli slogan guida contro lo spreco e l'inquinamento: "Evviva la borraccia - Liberi dalla plastica".

Il Cai ha un ruolo di primo piano ed è capofila nel presentare valori e problemi della montagna. Gli ecosistemi montani sono luogo di riconosciute eccellenze che risultano estremamente vulnerabili agli effetti del cambiamento del clima. Tutela e protezione delle "terre alte" rappresentano la sfida per il futuro della conservazione di risorse indispensabili al benessere anche delle città e delle pianure. Gli obiettivi di Agenda 2030 e le indicazioni della CETS Carta Europea del Turismo Sostenibile sono traguardi nei quali inserire riferimenti precisi di tutela e interventi ecosostenibili della Montagna.

Filippo Di Donato
Presidente CCTAM del CAI

Segnala questo articolo su:


Torna indietro