#destinazioneK2, il resoconto della prima tappa del viaggio sostenibile di Gian Luca Gasca promosso dal CAI

Ieri sera alle 19 il protagonista della spedizione è arrivato a Minsk, in Bielorussia. Questa mattina Gasca è ripartito in direzione Mosca. Da lì proseguirà verso Astana (Kazakistan)

Una foto di Minsk scattata da Gian Luca Gasca

4 agosto 2017 - Si è conclusa la prima tappa, quella europea, del viaggio sostenibile di Gian Luca Gasca, promosso dal CAI centrale, verso il campo base del K2. Il protagonista della spedizione è arrivato in autobus a Minsk, in Bielorussia, ieri sera alle 19 (ora locale), dopo aver attraversato Germania, Polonia e Lituania.

Prossima tappa: Mosca. Gasca è partito questa mattina in treno da Minsk e arriverà a Mosca stasera alle 21 (ora locale). Da lì, domani alle 7 il viaggio #destinazioneK2 proseguirà in treno verso Astana (Kazakistan): sulle rotaie della mitica Transiberiana fino a Ekaterinburg e, da lì, con un altro treno fino alla città kazaka.

Il protagonista della spedizione utilizzerà il più possibile mezzi pubblici e piedi per raggiungere la seconda montagna più alta del pianeta. Un viaggio sostenibile 2.0 che gli amanti dell'avventura e della montagna potranno seguire passo dopo passo, tappa dopo tappa, attraverso Lo Scarpone e i social (Facebook e Twitter) del Club alpino italiano.

red

 

Segnala questo articolo su:


Torna indietro