#EvvivalaborracciaCai: "A Pasqua non inquiniamo e scopriamo località nuove"

Il Presidente della Commissione centrale TAM Di Donato, ospite a "Mi manda RAI3", invita a non utilizzare le bottigliette d'acqua di plastica usa e getta durante le escursioni e a visitare i tanti territori montani densi di identità e tradizione.

Di Donato a "Mi manda RAI3"

18 aprile 2019 - Il Club alpino italiano, con il Presidente della Commissione centrale Tutela Ambiente Montano Filippo Di Donato, ha partecipato alla trasmissione Mi manda Raitre che ha trattato, questa mattina, il tema dell'inquinamento da plastica

I dati planetari sono spaventosi e crescenti. Non esiste luogo sulla terra che non sia colpito da questa grave calamità. Aria, acqua e suolo, che compongono l'ambiente attorno a noi, sono vulnerabili e a rischio. Non ci accorgiamo immediatamente della gravità del problema perché il nostro corpo non è predisposto per rilevare la presenza di  polveri sottili nell'aria e sostanze chimiche nell'acqua e nel suolo, né per osservare le microplastiche. Ma purtroppo è così ed è necessario che si intervenga tutti con grandi e piccoli gesti. 

La proposta #EvvivalaborracciaCai Liberi dalla plastica del Cai invita a non utilizzare le bottigliette d'acqua di plastica usa e getta quando si vive un'esperienza all'aria aperta sui sentieri e nei rifugi. Scegliamo una fedele borraccia e portiamola sempre con noi. Il messaggio dato ai telespettatori dal conduttore Salvo Sottile di ridurre i rifiuti e che, quando necessari, siano biodegradabili è vincente, proiettato anche sulla prossima uscita di Pasquetta che vedrà tantissimi in ambiente.

A Pasqua non inquiniamo e scopriamo località nuove. Approfittiamo della tradizionale scampagnata per visitare i piccoli paesi che sono le porte di accesso a territori densi di identità e tradizione. Per i più avventurosi c'è la possibilità di scegliere un tratto di escursione lungo i 6880 km del Sentiero Italia CAI, che attraversa 13 Parchi Nazionali e centinaia di aree della Rete Natura 2000, oppure raggiungere uno dei 700 tra rifugi, bivacchi e altre strutture CAI in Montagna.

Scoprire con il CAI luoghi suggestivi e particolari, a contatto con la natura, per esperienze tra cibo, boschi, musei e paesaggi. Ogni socio e cittadino è prezioso nell'opera di informazione e sensibilizzazione ambientale, utilizzando buon senso e le norme del Bidecalogo CAI, per migliorare la frequentazione sostenibile dei territori e ridurre l'inquinamento.

Filippo Di Donato
Presidente Commissione Centrale Tutela Ambiente Montano CAI

 

Potete vedere il video direttamente qui sotto o a questo link 

Segnala questo articolo su:


Torna indietro