Franco Tanzi nuovo presidente del CAI Amatrice

Componente del Soccorso alpino e Accompagnatore sezionale di ecursionismo, prende il posto di Marco Salvetta, non più rieleggibile: "vogliamo contribuire alla ricostruzione di case e cuori e contrastare il lento spopolamento della nostra terra".

L'ultimo raduno AG del Lazio organizzato ad Amatrice

20 giugno 2017 - Cambio al vertice nella sezione CAI di Amatrice. Infatti, dopo il consiglio direttivo del 17 giugno 2017, la carica di presidente sezionale sarà ricoperta per il triennio 2017 – 2020 da Franco Tanzi, già vicepresidente nello scorso triennio di direttivo. Tanzi subentra a Marco Salvetta che ha guidato il CAI Amatrice per due mandati dal 2011 al 2017.

Franco Tanzi, componente del Soccorso alpino della stazione di Rieti (squadra di Amatrice), accompagnatore sezionale di escursionismo, sarà coadiuvato da Catia Clementi, operatore sezionale di alpinismo giovanile, alla quale è stato assegnato il ruolo di Vicepresidente. Ad occuparsi della segreteria sarà Paolo Demofonte, accompagnatore sezionale di escursionismo e componente del soccorso alpino stazione di Rieti (squadra di Amatrice). Gestirà la contabilità Giuseppe Bacigalupo, riconfermato tesoriere anche per il nuovo triennio. I consiglieri sezionali, invece, sono: Francesco Aniballi, Mauro Bondi, Fortunato Demofonte, Paolo Plini, Mariangela Piroli, Marco Salvetta, Andrea Sebastiani. In ultimo vigileranno sulla contabilità sezionale, con il ruolo di revisori, Claudio Bizzoni, Carlo Fedeli, Massimo Gianni.

"Giunto a fine mandato è ora di fare dei bilanci - ha detto il past president Salvetta – e soprattutto capire quanta strada è stata percorsa. Posso affermare che sono soddisfatto. Si è formata una squadra di persone che ha voglia di lavorare, mettersi in gioco e fornire un valore aggiunto alla sezione e al territorio: soprattutto in questo momento di grave smarrimento dovuto al sisma. Il terremoto – continua Salvetta - non ci ha abbattuto e non ci abbatterà. La struttura ben definita e rodata ormai da anni ha permesso di gestire l’emergenza molto bene. L’idea di assegnare ogni singolo settore di lavoro ad uno specifico pool di persone si è dimostrata vincente e riconosciuta valida anche dalle numerose sezioni che dopo il sisma hanno voluto farci visita. Inoltre durante i sei anni di presidenza si è puntato molto sulla formazione dei soci. Infatti abbiamo un buon numero di qualificati CAI tra accompagnatori di escursionismo, ciclo escursionismo e alpinismo giovanile. Infine – conclude Salvetta – aver definito degli obiettivi chiari ed averli condivisi con il consiglio e i soci ha permesso alla sezione di fare un notevole balzo in avanti. Insomma lascio un gruppo ben strutturato e avviato all’amico Franco Tanzi che, sono certo, lo guiderà con grande precisione, passione ed amore".

Da parte sua il neo presidente Tanzi ha affermato: "Ho ereditato da Marco un prezioso testimone: quello di guidare un gruppo di amici ma da solo non sarà possibile. Perciò ritengo sia necessario coinvolgere la maggior parte dei soci per dare vita ad un progetto comune mirato soprattutto alla rinascita dei nostri territori così feriti e, nonostante tutto, così belli con tante attrattive da scoprire. Purtroppo, a distanza di circa dieci mesi dal tragico evento che ha stravolto la nostra terra, le istituzioni trovano difficoltà nell'impedire il lento spopolamento delle genti che amano questo stupendo lembo dell'Italia centrale. Ed allora l'appello che rivolgo a tutti i soci e agli amanti della montagna è quello di esserci vicini affinché l'attuale consiglio direttivo non perda di vista l'azimut di sodalizio e solidarietà che ci condurrà, tutti insieme, alla ricostruzione delle case e dei cuori".

Franco Aniballi
CAI Amatrice

Segnala questo articolo su:


Torna indietro