Giochi del Veneto Invernali: saranno protagonisti i bambini a Alleghe e Falcade

La manifestazione in programma dal 14 al 16 marzo. L'obiettivo è promuovere il territorio dolomitico nei confronti dei bambini e delle loro famiglie.

Giovanissime si cimentano nel Palaghiaccio di Alleghe con i pattini ai piedi

I Soci del Club alpino italiano generalmente non amano le manifestazioni sportive caratterizzate da agonismo sfrenato e, per quanto riguarda gli sport invernali, in diversi casi anche invasive per l'ambiente nelle quali vengono organizzate. Di conseguenza qui sullo Scarpone ne parliamo raramente.

In questa news, presentando la prima edizione dei Giochi del Veneto Invernali, in programma a Falcade e Alleghe dal 14 al 16 marzo per una volta facciamo un'eccezione.
Per due motivi: il primo è che coinvolge pre adolescenti e bambini, tesserati per tre Federazioni (Sport invernali, Sport sul ghiaccio e Orienteering), quindi, ci auguriamo, non sarà una manifestazione caratterizzata da agonismo sfrenato, ma un'occasione di divertimento per i più piccoli in località dolomitiche di grande impatto.

Il secondo perchè, secondo gli organizzatori, i bambini e i loro accompagnatori avranno l'occasione di conoscere il territorio, ammirare i panorami che è in grado di offrire e venire a contatto con la cultura e le specialità enogastronomiche del luogo. In sintesi l'evento potrebbe essere un valido strumento di promozione turistica delle zone di Alleghe e Falcade.

Arriveranno sulle Dolomiti oltre 1.200 persone tra atleti delle categorie cuccioli e baby, tecnici e dirigenti dello sci alpino, dello sci nordico, dello snowboard, dell’hockey su ghiaccio e dell’orienteering.

“Sarà un’esperienza unica per migliaia di giovani che si potranno confrontare nelle diverse discipline sportive in due delle aree più belle delle Dolomiti. Alleghe e Falcade sono note anche all’estero non solo per l’efficienza delle loro strutture sciistiche, ma anche per la straordinaria ospitalità, i panorami meravigliosi e la cucina ricca di specialità tipiche” afferma il direttore di Dolomiti Stars Stefano Mannelli. “Al di là dell’aspetto puramente agonistico della manifestazione, auspichiamo quindi in una massiccia presenza di famigliari e visitatori appassionati, perché lo sport è un’eccezionale strumento per promuovere il territorio.”

La kermesse si aprirà con i Giochi Sportivi Studenteschi e nel pomeriggio del venerdì 14 marzo, poi, a partire dalle ore 15.30, avrà luogo la cerimonia di apertura con l'accensione del tripode, l' alzabandiera e il giuramento degli atleti e dei giudici di gara.
Infine, domenica 16 marzo giornata conclusiva con le ultime gare, le premiazioni e la cerimonia di chiusura.

Noi dello Scarpone ci auguriamo che l'evento sia una possibilità reale per i più giovani per conoscere la montagna, le sue genti e i suoi paesaggi, soprattutto per quelli che praticheranno l'orienteering, forse la disciplina più “lenta” tra quelle in programma, quella che consente di conoscere e vivere più in profondità il territorio.

Lorenzo Arduini

Segnala questo articolo su:


Torna indietro