I Club alpini di Germania e Austria rientrano nell'UIAA

L'associazione mondiale dei Club alpini comunica ufficialmente l'esito dell'Assemblea generale del 5 ottobre scorso

Pontresina (Svizzera)

L'UIAA (International Mountaneering and Climbing Federation), in occasione dell'Assemblea generale del 5 ottobre scorso a Pontresina (Svizzera), ha votato all'unanimità l'accettazione delle richieste dei Club alpini di Austria (VAVO) e Germania (DAV) di ricongiungersi alla Federazione.

Il presidente UIAA Frits Vrijlandt ha dichiarato che le richieste dei due sodalizi, che insieme contano un milione e seicentomila soci, rappresentano un voto di fiducia sul percorso di sviluppo del piano strategico scelto dall’UIAA per il periodo 2012 - 2016

“Siamo entusiasti che i nostri compagni alpinisti tedeschi e austriaci siano tornati nella famiglia dell'UIAA”, ha dichiarato Vrijlandt. “Abbiamo molte cose in comune tra cui la passione per le montagna e il nostro desiderio di proteggerle per le future generazioni”.

In una nota i due sodalizi hanno ringraziato i membri UIAA per il voto.
Entrambi i club intendono condividere attivamente la loro conoscenza ed esperienza per sostenere gli obiettivi dell'UIAA. La loro decisione di rientrare nella federazione si basa sulle potenzialità intraviste nel piano strategico, che si concentra su alpinismo, sicurezza, accesso, conservazione della natura e sul miglioramento della comunicazione interna tra i membri.

“Abbiamo apprezzato la decisione presa dall'Assemblea generale e ci sentiamo onorati di far di nuovo parte della famiglia UIAA”, ha detto il presidente del DAV Josef Klenner.

L'Assemblea generale ha votato anche l'ingresso del Club alpino del  Bangladesh recentemente costituito, il riconoscimento del Club alpino russo come membro integrale dell’UIAA e premiare lo stato di osservatore del Consiglio del Turismo Giordano.

Segnala questo articolo su:


Torna indietro