2017, un anno intenso e fruttuoso per il Gruppo Grandi Carnivori del CAI

Diventato Gruppo di Lavoro del CAI centrale, il gruppo ha organizzato due convegni nazionali (lupo e orso), oltre 40 conferenze locali e 31 esposizioni della mostra "Presenze silenziose", visitata da centinaia di alunni delle scuole.

L'attenzione mediatica riservata al Gruppo

11 gennaio 2018 - Si è concluso anche il 2017 per il Gruppo Grandi Carnivori del CAI, anno importante e molto intenso.
Il Gruppo nel 2017 è stato riconosciuto ufficialmente dal CAI divenendo gruppo di lavoro centrale, sotto diretto controllo del CDC, dopo l’approvazione del 27 maggio 2017 con atto n. 86, durante il CDC tenutosi a Napoli in occasione dell’assemblea generale. Il Gruppo si è poi insediato a Milano il 15 settembre 2017.

Oltre a questo importante traguardo molte sono state le cose prodotte dal lavoro costante ed appassionato dei soci aderenti al progetto.
In breve, tentando di fare un veloce resoconto, possiamo dire che sono stati organizzati due convegni di portata nazionale per i soci, uno a Bologna il 25 marzo 2017 sul lupo (La convivenza con il lupo, 150 soci presenti provenienti da 50 Sezioni diverse in rappresentanza di 11 regioni italiane) e uno a Trento il 7 e 8 ottobre 2017 sull’Orso bruno (Orso bruno, la convivenza possibile, 150 soci presenti da 50 Sezioni diverse provenienti da 8 regioni).

A questi due convegni se ne aggiunge un altro di alto livello organizzato a Fossano (CN), in occasione del 70° anno di fondazione della locale sezione, il 27 maggio 2017 dal titolo Il controverso ritorno del lupo sulle Alpi e un interessante corso tematico tenutosi dalla sezione di Bassano del Grappa nel novembre 2017 (4 lezioni frontali).

Da segnalare le oltre 40 conferenze a tema sui grandi carnivori (principalmente Lupo), organizzate in svariate sezioni e realtà del territorio nazionale, in particolar modo nel Nord Italia, con relatori spesso di primissimo ordine tra i massimi esperti nazionali.
Si aggiungono inoltre 31 importantissime esposizioni della mostra realizzata dal gruppo dal titolo “Presenze Silenziose ritorni e nuovi arrivi di carnivori nelle Alpi”, avvenute soprattutto presso Sezioni locali del Nord Italia ma anche presso importanti musei ed associazioni. Numerose sono state le scuole ed i giovani che hanno visitato la mostra. Al seguito della mostra e delle serate sono state distribuite quasi 1500 copie dell’opuscolo di 48 pagine realizzato dal gruppo che contiene i testi, le foto, i disegni e le cartine della mostra stessa.

In Veneto per andare incontro ai disagi degli allevatori, dopo il deciso ritorno del lupo, il gruppo ha lavorato sodo assieme al CAI Veneto presso gli uffici regionali competenti, per realizzare un progetto che vedesse i Soci CAI coinvolti nell’installazione di recinti elettrificati ed altro, necessari agli allevatori per far fronte alle predazioni su domestici. Questo progetto denominato Progetto convivenza grandi carnivori, operativi CAI Veneto ha raccolto oltre 60 adesioni e, seppur nel 2017 sia partito tardi per problemi burocratici e non sia stato possibile fare molto, si sono certamente gettate le basi per qualcosa di importante per il futuro.
A partire da quest’anno sono inoltre cresciute le richieste di partecipazione di Soci CAI (i più preparati), da parte degli organi competenti, nel complesso lavoro di monitoraggio del lupo.

Alcuni articoli o trafiletti sono apparsi soprattutto su Montagne 360, e su qualche rivista o giornale locale.
Sono state rilasciate poi alcune interviste radiofoniche e televisive, anche a testate importanti. Ci sono stati passaggi su trasmissioni RAI regionali, TG RAI locali e su TG di reti private.

Tutte le locandine di mostre, conferenze e progetti del gruppo sono apparse su Lo Scarpone on line e in parte nei siti di CSC e TAM e in quelli dei CS locali e nel sito di Wolfalps.
Sempre nel 2017 sono stati prodotti 3 comunicati stampa inerenti le tematiche dei grandi carnivori che sono apparsi nella stampa del CAI e ripresi anche su giornali e quotidiani a livello locale e nazionale.

Continuano i rapporti e le collaborazioni con i più importanti progetti LIFE sul tema grandi carnivori e con associazioni ed enti che perseguono la strada dell’instaurarsi di una coesistenza tra uomo e predatori selvatici.
Per finire alcuni referenti del Gruppo sono stati presenti in autunno alle varie assemblee o convegni regionali e interregionali delle sezioni CAI per far conoscere il gruppo e le sue linee guida.

Per completezza alleghiamo un documento che riassume in modo analitico quanto realizzato (scaricabile sotto alla firma).

Segnaliamo che tra i prossimi appuntamenti organizzati dal Gruppo ci sarà il terzo convegno - giornata nazionale di studio sul lupo il 10 Marzo 2018 a Torino. A breve info dettagliate.

Davide Berton

Segnala questo articolo su:


Torna indietro