24 ore di maratona progettuale per immaginare nuovi sviluppi della montagna per gli alunni delle superiori a Cime a Milano

Ha preso il via oggi all'Università Statale del capoluogo lombardo Mountain Hack, il primo hackathon della scuola italiana sulla montagna. Partecipano 90 studenti di 16 scuole provenienti da tutta Italia.

Il saluto di Antonio Montani

11 dicembre 201790 studenti, 16 insegnanti provenienti da 16 scuole (con 7 indirizzi diversi) di 15 località di 9 regioni italiane stanno partecipando a Mountain Hack, il primo hackathon della scuola italiana sulla montagna, organizzato dal Miur, che ha preso il via stamattina a Cime a Milano, in corso di svolgimento all'Università Statale del capoluogo lombardo.

Si tratta di una maratona progettuale di 24 ore per immaginare nuovi progetti (realizzabili) per lo sviluppo sostenibile delle terre alte. I ragazzi sono divisi in 10 squadre, ognuno di essi è in team con coetanei di altre scuole.

Come ci hanno raccontato le insegnanti i partecipanti (6 per ogni scuola, tutti al quarto anno) sono stati scelti sulla base di diversi parametri, come media voto, interesse per l'argomento, motivazioni e disponibilità a trascorrere due giorni a Milano.

Sono due i temi con i quali gli alunni dovranno misurarsi: 5 team dovranno lavorare sullo "Sport per la montagna", ovvero immaginare progetti e iniziative a carattere sportivo in località montane, non invasive e impattanti per l'ambiente, che favoriscano salute e benessere nelle persone  e promuovano la cultura dei luoghi montani. Gli altri 5 team dovranno invece lavorare su “Cultura e turismo in montagna”, ovvero immaginare processi, prodotti o servizi per promuovere una nuova forma di turismo culturale nelle montagne.

Domani pomeriggio saranno premiati i progetti migliori, che potranno essere avviati realmente dall'Università della Montagna, come prevede il concetto stesso di hackathon.

I ragazzi prima di iniziare hanno ricevuto gli auguri di buon lavoro dal Vicepresidente generale del CAI Antonio Montani, che non vede l'ora “di vedere le idee che sarete in grado di partorire”.

Cime a  Milano è organizzata da Università degli Studi di Milano, Università della Montagna di Edolo e Club alpino italiano.

Lorenzo Arduini  

Segnala questo articolo su:


Torna indietro