245 partecipanti al 17° Raduno di Cicloescursionismo CAI di Liguria, Piemonte e Valle D'Aosta

Ottimo bilancio per la giornata del 6 maggio 2018 nella cornice delle colline del Roero (CN). Tra i partecipanti 40 ragazzi dell'alpinismo giovanile e 30 escursionisti non pedalanti. Ottima l'organizzazione del CAI Alba

Un momento della giornata

9 maggio 2018 - Domenica 6 maggio si è svolto il 17° raduno interregionale CAI LPV di Cicloescursionismo: una splendida giornata di festa e di incontro in MTB tra le sezioni CAI dell'area Liguria Piemonte Valle d'Aosta, nella magnifica cornice delle colline del Roero, patrimonio UNESCO.

Organizzazione impeccabile e stupenda accoglienza da parte della Sezione di Alba in occasione del 40°anniversario di fondazione, premiata da una massiccia partecipazione: ben 245 iscritti provenienti da 22 diverse Sezioni, cui vanno aggiunti una trentina di escursionisti non pedalanti. Una particolare menzione meritano i 40 ragazzi provenienti dai corsi monotematici di cicloescursionismo per Alpinismo Giovanile, che si sono cimentati sulle ripide erte delle colline vitivinicole.

Come da tradizione, nello spirito autentico del Sodalizio, oltre ad essere momento di ritrovo ed aggregazione per gli appassionati, il raduno è occasione privilegiata per far conoscere ai cicloescursionisti le peculiarità territoriali e le opportunità escursionistiche del territorio ospitante. Percorsi e paesaggi sono stati apprezzati da tutti, grazie anche alle interessanti descrizioni puntualmente fornite con passione e competenza da parte degli Accompagnatori del CAI di Alba.

Una vera festa del Cicloescursionismo CAI, terminata come da tradizione con un convivio molto partecipato ed apprezzato nei locali messi a disposizione da Comune di Piobesi d’Alba.
Un doveroso ringraziamento ai numerosi volontari che, a vario titolo, hanno contribuito all’ottimo risultato, dedicando tempo e passione per accogliere i soci cicloescursionisti con impareggiabile cordialità, senza dimenticare chi ha lavorato dietro le quinte o ha contribuito agli aspetti materiali.

Marco Lavezzo

Segnala questo articolo su:


Torna indietro