3° Verona Mountain Film Festival: alpinismo, esplorazione e arrampicata in scena

Il 20 febbraio 2018 alla Gran Guardia aprirà il programma il Coro Scaligero dell’Alpe del Cai di Verona. Cinque serate, nove film in concorso, otto eventi a corollario, ingresso gratuito.

La locandina del Verona Mountain Film Festival 2018

15 febbraio 2018 - È stata presentata oggi, giovedì 15 febbraio presso la Sala Arazzi del Comune di Verona, la terza edizione del “Verona Mountain Film Festival”, un evento cinematografico interamente dedicato ad alpinismo, arrampicata ed esplorazione, che si terrà nell’Auditorium del seicentesco palazzo della Gran Guardia, in piazza Bra dal 20 al 24 febbraio.

Hanno presenziato al tavolo dei relatori Filippo Rando, Assessore alle Manifestazioni del Comune di Verona, Roberto Gualdi, Presidente Associazione Montagna Italia, Direzione artistica del Festival, Alessandro Camagna, Presidente Cai Verona, Alberto Motta, Segretario Fondazione Giorgio Zanotto, Marta Ugolini, Delegato del Rettore alla Comunicazione Integrata di Ateneo in rappresentanza dell’Università di Verona, Matteo Nicolini, Vice presidente della Commissione Sostenibilità dell’Università di Verona, Matteo Bogoni, Direttore del Coro Scaligero dell’Alpe del Cai di Verona e Giuseppe Bolognini, in rappresentanza delle Funivie Malcesine Monte Baldo, partner dell’evento.

Un programma ben nutrito per la terza edizione del Festival che, oltre al concorso cinematografico, l’anima dell’evento, si propone di promuovere la montagna anche attraverso la fotografia, la musica, l’editoria, lo spettacolo.

Durante le cinque serate verranno proiettati i nove film in concorso scelti tra gli oltre 120 giunti da 14 nazioni del mondo. Ciascuna avrà inizio con la proiezione delle 15 fotografie finaliste del Concorso Fotografico sostenuto dalla Fondazione Giorgio Zanotto.

L’ingresso alle serate sarà totalmente gratuito: un impegno importante, a testimonianza dell’attenzione che gli organizzatori vogliono riservare agli appassionati, ai cittadini e ai turisti interessati all’evento. Con queste premesse, il Festival è stato pensato, fin dalla prima edizione, come un vero e proprio dono a Verona, che completa il ricco cartellone culturale della città con una proposta di valore e liberamente accessibile a tutti.

La serata inaugurale si aprirà all’insegna della musica: si esibirà infatti il Coro Scaligero dell’Alpe del Cai di Verona diretto dal Maestro Matteo Bogoni (Presidente Maurizio Zandonà). A seguire, oltre alla proiezione dei primi film in concorso, sarà protagonista Walter Bonatti, la cui vita alpinistica viene raccontata in un film fuori concorso “1951 Bonatti e l’enigma del K2” da un altro altrettanto importante esponente dell’alpinismo mondiale: Reinhold Messner.

Sono otto i momenti a corollario del concorso cinematografico del Verona Mountain Film Festival, che non manca di affrontare argomenti importanti quali l’avvicinamento dei bambini disabili alla montagna. Mercoledì 21 sarà presente al Festival Marco Ballini, Presidente dello Sci Club Edelweiss di Verona, per parlare del progetto “Emma”, dedicato all’attività formativa motorio-sportiva dei piccoli disabili.
Sempre nella serata di mercoledì sarà presente Anna Masciadri, Vice Presidente del Centro di Cinematografia e Cineteca del Cai, per presentare l’operato della Cineteca attraverso il film di Giuseppe Brambilla “Dal fotogramma al bit”. Il breve filmato della durata di 8 minuti illustra il “salvataggio” di una pellicola a supporto analogico, quale è un fotogramma, convertita a supporto digitale.

Grazie al Centro di Cinematografia del Cai ed alla Fondazione Riccardo Cassin, il Verona Mountain Film Festival proietterà tre film fuori concorso: “Le pareti della memoria”, “Les Grandes Jorasses” e “Jirishanca il Cervino delle Ande”, che vedono protagonista il grande alpinista Riccardo Cassin.

Giovedì 22 saranno presenti Gualtiero Carraro e Matteo Mauri per parlare di Carraro-Lab, un’azienda che, per il territorio della montagna, ha sviluppato una nuova forma di comunicazione visiva a 360°, chiamata “realtà immersiva”.
Venerdì 23 sarà il momento di Giancarlo Pavan e del suo libro “Aspettami sulla cima”, che racconta la storia d’amore tra un uomo, un cane e la montagna. Un breve video racconterà al pubblico quali spunti hanno portato l’autore a realizzare quest’opera.

Novità 2018: “Montagna, cosa mi racconti?”, dalle 17.00 alle 19.00 di giovedì 22 febbraio, presso l’Aula 21 – Polo Zanotto dell’Università di Verona, verranno proiettati alcuni film fuori concorso in collaborazione con la commissione sostenibilità dell’Università di Verona.

La serata finale si concluderà con un momento musicale che avrà come protagonisti il Soprano Silvia Lorenzi e il Maestro Paolo Manzolini alla chitarra. Gli artisti presenteranno il progetto “da Monteverdi a Morricone”, che filtra, trasforma e attualizza motivi vecchi e nuovi, per riproporli al pubblico veronese.
Si terrà, inoltre, la Cerimonia di Premiazione in cui verranno proclamate le opere cinematografiche e fotografiche migliori.

Il film “Still Alive” diretto dal leggendario Reinhold Messner concluderà il Festival: ambientato in Kenia, racconta la storia di Gert e Oswald, compagni di studi all’Università di Innsbruck, che decidono di partire per il Kenya in compagnia di Ruth, futura moglie di Oswald. Mentre Ruth si trova a Mombasa, i due amici si dedicano alla scalata del Monte Kenya. Al momento di tornare indietro vengono sorpresi da una perturbazione e Gert precipita in un crepaccio rimanendo gravemente ferito. Ha così inizio una delle storie più avvincenti di salvataggio in alta quota, un’impresa durata nove giorni che Oswald ha trascorso interamente al fianco dell’amico.

Comunicato Verona Mountain Film Festival

Segnala questo articolo su:


Torna indietro