50 anni dalla prima spedizione CAI-CNR in Antartide 1968-1969: se ne è parlato a Roma

Fu la prima spedizione scientifica italiana nel "continente bianco": oltre alle ricerche scientifiche, furono conquistate 10 cime ancora inviolate. A Tor Vergata se ne è parlato al convegno Memoria e scienza dall’ultima frontiera del mondo".

Marcello Manzoni durante il convegno

18 ottobre 2019 - In occasione del cinquantennale della prima spedizione scientifica italiana in Antartide effettuata nel 1968-1969 su iniziativa del Club Alpino Italiano e del Consiglio Nazionale delle Ricerche (C.N.R.), si è svolto a Roma il 16 e 17 ottobre 2019 un convegno organizzato dal CNR e dall’Università degli studi di Roma “Tor Vergata” su “Memoria e scienza dall’ultima frontiera del mondo – Esplorazioni, storie e fonti in Antartide”.

Alla spedizione parteciparono per il CAI gli accademici Carlo Mauri e Ignazio Piussi, nonché la guida alpina Alessio Ollier; per il CNR Aldo G. Segre (Università di Messina), Carlo Stocchino (meteorologo e oceanografo) e Marcello Manzoni (geologo).
Oltre alle attività di ricerca scientifica svolta, la coppia Mauri-Ollier e la coppia mista Piussi-Manzoni conquistarono in due autonome esplorazioni ben 10 cime dell’Antartide ancora inviolate.

Il convegno, articolato in numerose relazioni di carattere storico, scientifico, geo-politico e documentale, è stato caratterizzato dalla presenza di Marcello Manzoni (ora 79enne), che ha potuto raccontare ai partecipanti interessanti dettagli e curiosità della spedizione, nonché evocare sensazioni e ricordi personali.

Red

Segnala questo articolo su:


Torna indietro