6° Corso di formazione AE Abruzzo. Gli accompagnatori di domani.

A metà percorso le parole di uno degli aspiranti AE: "l’accompagnamento è far conoscere, condividere il panorama con chi lo sta osservando prima ancora che con noi stessi, ragionare tenendo presente il gruppo".

I partecipanti al corso

10 maggio 2018 - Lo scorso 15 aprile si è conclusa la seconda delle quattro sessioni del VI° Corso di formazione per Accompagnatori di Escursionismo di primo livello AE. Il corso, organizzato dal Club Alpino Italiano Abruzzo  unitamente alla Commissione Regionale per l’Escursionismo e alla Scuola Regionale di Escursionismo, è iniziato con una sessione preliminare svoltasi presso il Centro Visita del Lupo a Popoli, nel Parco Nazionale della Majella, dove i docenti hanno operato in due giorni una verifica delle competenze teoriche e pratiche dei candidati: dalle manovre di corda alle nozioni di cartografia, dall’orientamento con carta e bussola in ambiente ad un questionario multidisciplinare inerente l’ambiente montano, passando per un colloquio incentrato sulle motivazioni che hanno spinto e spingono noi corsisti ad intraprendere questo percorso. Si tratta, inoltre, d’un percorso che si pone in continuità con l’importante e precedente traguardo dell’acquisizione della qualifica di Accompagnatore sezionale ASE del Club Alpino Italiano, risultato di un corso organizzato dai medesimi attori nel biennio 2015/2016. 

A seguito della sessione preliminare, i corsisti ammessi si sono ritrovati nei due weekend del 24-25 marzo e del 14-15 aprile nella suggestiva cornice del Parco Nazionale d’Abruzzo, presso l’Hotel del Lago in località Villetta Barrea. Alle lezioni frontali tenutesi nel corso delle mattinate, caratterizzate anche da una certa interattività tra docenti e partecipanti, si sono affiancate quattro escursioni: la prima in località Val Fondillo, costeggiando il torrente Fondillo fino al rifugio Sfranatara, accompagnati dall’imponente versante sud del Monte Calanga alle nostre spalle e dalla Serra delle Gravare, lontana all’orizzonte a chiudere la valle; la seconda, presso il comune di Civitella Alfedena, seguendo la prima parte del sentiero che dal borgo storico conduce alla Camosciara, con il panorama della Val di Sangro e delle bianche vette del Monte Forcone, del Monte Marsicano, della Serra di Rocca Chiarano e dello Sterpi d’Alto, quest’ultima cima in modo particolare ci ha affiancati per l’intera escursione con il suo spettacolare versante settentrionale; la terza, invece, è stata un’escursione incentrata sull’attività pratica d’orientamento in ambiente, con la ricerca di picchetti collocati dai docenti in punti specifici del borgo di Civitella Alfedena, punti le cui coordinate cartografiche erano state calcolate da noi corsisti nel corso del primo pomeriggio; infine la quarta ed ultima escursione, di più lunga durata rispetto alle altre, ci ha visti impegnati dal borgo di Civitella Alfedena verso la Val di Rose, con una visuale panoramica del lago di Barrea, fin sotto il suggestivo anfiteatro di Boccanera che si è aperto ai nostri occhi interamente dopo aver lasciato il sottobosco.

Durante le escursioni, i docenti hanno predisposto una divisione in più gruppi nei quali gli aspiranti accompagnatori hanno condotto a turno per un breve tratto l’escursione, rispondendo ai quesiti ed agli spunti sollevati in merito alle dinamiche ambientali, alla gestione del gruppo, alle tecniche di marcia o all’impatto antropico delle zone montane di riferimento. Tornando alle lezioni frontali, esse hanno avuto un carattere fortemente multidisciplinare, contribuendo a garantire un approccio ad ampio raggio alla conoscenza del territorio. La geomorfologia appenninica, la meteorologia, la botanica, la struttura del Club Alpino Italiano, la pianificazione del paesaggio, la cartografia, le tecniche di marcia e la tutela dell’ambiente montano sono stati alcuni tra i molteplici argomenti trattati nella sala conferenze dell’Hotel in compagnia di esperti qualificati nei diversi settori presi in esame.

Gli Accompagnatori di Escursionismo (AE) sono titolati del CAI abilitati all’accompagnamento su difficoltà escursionistiche classificate T, E, EE, essi vengono iscritti in un albo istituito presso la Sede Centrale CAI ed aggiornato dalla Commissione Centrale Escursionismo. A metà del nostro percorso, credo che sia fondamentale che noi corsisti assimiliamo autenticamente quel che più di tutto sta alla base del titolo per cui ci stiamo impegnando: l’ “Accompagnamento”.
E l’accompagnamento è far conoscere, condividere il panorama con chi per primo lo sta osservando prima ancora che con noi stessi, ragionare tenendo presente il gruppo, un “Noi” costante dall’inizio dell’escursione al termine. E, infine, l’accompagnamento è il cuore di questa grande e storicamente radicata realtà del Club Alpino Italiano, che ci lega con un filo lungo più di un secolo e mezzo alle parole del suo fondatore, Quintino Sella: “Dico quindi alla gioventù: correte alle Alpi, alle montagne o giovani animosi, ché vi troverete forza, bellezza, sapere e virtù. Il corpo vi si fa robusto, si trova diletto nelle fatiche, vi si avvezza (ed è importante scuola) alle privazioni ed alle sofferenze. Tutto ciò è tanto più importante oggi, imperocché si direbbe che ai maggiori sforzi intellettuali che per lo sviluppo della civiltà l'uomo debba fare, sia da cercare il riposo in un corrispondente incremento di fisica attività. Nelle montagne troverete il coraggio per sfidare i pericoli, ma vi imparerete pure la prudenza e la previdenza onde superarli con incolumità”.

I docenti ci avvieranno all’accompagnamento tra le vette responsabilmente,  come i loro docenti fecero quando essi stessi erano corsisti e così come faremo noi, nelle nostre sezioni con i nostri soci, o con gli aspiranti accompagnatori di domani, affinché chi si avvicinerà alla natura con il Club Alpino Italiano ne esca affascinato e consapevole che, tra le cime ed oltre quel che si vede percorrendo le strade statali o le autostrade dell’Abruzzo e dell’intero territorio nazionale, si nasconde la bellezza.

Filiberto Ciaglia
ASE Cai Avezzano
Aspirante Accompagnatore AE

Segnala questo articolo su:


Torna indietro