Ieri l'escursione del Cai Valfurva alla Diga del Gleno

I soci hanno scelto una realtà molto suggestiva, candidata a luogo del cuore FAI in località Vilmore di Scalve in provincia di Bergamo.

15 giugno 2020 - Ieri il Cai Valfurva è stato protagonista di una bellissima escursione. I soci hanno ricominciato dalla Diga del Gleno, candidata a luogo del cuore FAI a Vilmore di Scalve in provincia di Bergamo.

È un luogo che suscita sempre grandi emozioni. La frattura tra le sue grandi arcate è un emblema perenne della tragedia del primo dicembre 1923 quando la diga cedette e l'acqua distrusse Varie contrade della Val di Scalve provocando oltre 350 morti.

Gli escursionisti sono partiti dalla Valfurva con le auto per arrivare alla pianezza di Vilminore di Scalve.  Da qui sono saliti lungo il sentiero che porta alla Diga a piccoli gruppi distanziati, seguendo le prescrizioni sanitarie per l’emergenza Coronavirus. Raggiunta la Diga, da lì hanno proseguito lungo la Valle che porta al Rifugio Tagliaferri, fino ad una malga utilizzata in estate dai pastori della valle. Qui Sosta per la merenda e poi il ritorno lungo lo stesso sentiero fino a Pianezza. Fortunatamente non ha piovuto. Poi il rientro in Valfurva. Il presidente ringrazia tutti i partecipanti.

Luciano Bertolina, Cai Valfurva

Segnala questo articolo su:


Torna indietro