Il 2020 del Cai Ogliastra

Dieci escursioni sono previste da questa neonata sottosezione. La prima si terrà il 12 gennaio a monte Cartucceddu tra il comune di Gairo e Tertenia

9 gennaio 2020 - Per il 2020 il Cai Ogliastra ha previsto dieci escursioni che interesseranno una buona fetta del suo territorio. Si inizia il 12 gennaio con l’escursione a monte Cartucceddu, confine naturale tra il comune di Gairo e Tertenia. Direzione “Sa Preda Stampada”, una strana e particolare formazione rocciosa in granito rosso caratterizzata da un enorme foro dalla quale si può ammirare un lungo e spettacolare tratto della costa orientale. Per il 2020 sono previste 10 escursioni che andranno a coprire una buona fetta d'Ogliastra. In totale le escursioni saranno 24, di queste 14 saranno in terra barbaricina. “Fondamentale è il gioco di squadra: il direttivo composto da Barbara Loi, Barbara Staffa, Antonio Piras, Agnese Miscali, Luca Perino e Francesco Monni ha lavorato assiduamente”,  afferma Giacinto Staffa,  presidente della neonata sottosezione. “Degno di nota – prosegue - il lavoro svolto da Federica Cabiddu, Egidio Podda, Lucia Serra, Antonio Sau e di tanti altri soci veramente motivati, senza di loro non ce l’avremmo fatta”.
Le dieci escursioni ogliastrine percorreranno i monti di Talana, i Tacchi d’Ogliasta. Sono previsti due giorni al Supramonte di Baunei, una giornata  nella Giara di Teccu a Bari Sardo, una a Tisiddu a Ulassai. Prevista inoltre un'escursione di due giorni per la così detta  "camminata della leva": percorso che i ragazzi di Aritzo e della Barbagia di Seulo, fino ai primi del ‘900, percorrevano passando per il versante Arzanese del Gennargentu, in direzione Lanusei, per la visita propedeutica al servizio militare.
Inoltre per la prima volta è previsto l’incontro intersezionale in Ogliastra. Tutti gli iscritti Cai della Sardegna si incontreranno  il 25 e il 26 aprile a Villanova e Villagrande Strisaili. Ha previsto per quelle date un’escursione a monte Olinie e a monte Santu Micheli (nei cantieri Forestas di Orgovè e del Parco Santa Barbara), montagne che segnano il confine tra Ogliastra e Barbagia, dalle quali è possibile ammirare le Rocce Rosse a estPunta La Marmora a ovest.
Concludendo,  il Cai Ogliastra invita tutti gli appassionati di montagna e di trekking. Tutti quelli che al centro commerciale preferiscono le strade sterrate, i ripidi pendii o i declivi scoscesi. Tutti quelli che al rumore del traffico cittadino preferiscono il rumore dello scorrere di un ruscello o degli alberi scossi dal vento.  E ancora tutti quelli che vogliono essere inebriati da una varietà di profumi e colori, diversi in ogni stagione. L'invito è ad iscriversi e collaborare con il CAI Ogliastra. In tempi in cui si discute se aprire o meno i centri commerciali la domenica, noi del Cai Ogliastra la domenica apriamo le montagne.

Giacinto Staffa Presidente Sezione Gemmata (Sottosezione) Cai Ogliastra

Segnala questo articolo su:


Torna indietro