Il Cai Chivasso porta i giovani camminatori sul sentiero Berruti

Il centro estivo organizzato dalla Parrocchia di San Giuseppe Lavoratore di Chivasso ha fatto conoscere ai ragazzi partecipanti, con la collaborazione del Cai, il sentiero che raggiunge il comune di Castagneto Po

5 agosto 2020 - Il centro estivo organizzato dalla Parrocchia di San Giuseppe Lavoratore di Chivasso ha fatto conoscere  ai ragazzi partecipanti , con la collaborazione del Cai,  il sentiero Berruti, il percorso che inerpicandosi da Chivasso raggiunge Castagneto attraverso i boschi della collina dell'oltrepo.

Accompagnati dagli animatori e da alcuni volontari del CAI, partendo in 5 giorni diversi per rispettare i problemi di assembramento i vari gruppi hanno raggiunto a piedi San Genesio e poi Castagneto.
I soci del CAI hanno potuto così raccontare ai partecipanti sia come è stato riscoperto il sentiero sia la storia della Sezione chivassese del Club Alpino Italiano, che opera in Città da quasi 100 anni, nacque infatti ufficialmente il 1° gennaio 1922.

Lungo il sentiero dedicato a Pierangelo Berruti, attivissimo socio Cai, ed inaugurato nel maggio 2017 dopo notevoli lavori di ripulitura e tracciatura a cura di volontari del Cai e non solo, sono anche state posizionate bacheche illustrative relative alle peculiarità ambientali e anche storiche, il sentiero infatti transita nel suo primo tratto tra le trincee dell'assedio avvenuto a Chivasso nel 1705 durante la guerra di successione spagnola.


Molto incuriositi i partecipanti hanno camminato  con entusiasmo nonostante il caldo, soprattutto nella parte di percorso tra Chivasso e Biget, molto meglio è stato inoltrarsi tra i boschi del versante nord della collina all'ombra di alberi secolari nei pressi di villa Ceriana, già residenza dei Bruni-Tedeschi. Dopo il pranzo al sacco e le attività previste nel programma dagli animatori  a Castagneto,  i partecipanti sono tornati a Chivasso all'insegna del classico "stanchi ma felici" e con la scoperta di un piacevole sentiero alle porte della Città che permette di salire sulla "montagna" dei chivassesi, il Bric del Vaj.

Red

Segnala questo articolo su:


Torna indietro