Il cambiamento climatico e la montagna d'inverno

La Società Alpina Friulana dedica una serata di formazione e informazione al modo in cui il riscaldamento globale può incidere sul manto nevoso

12 dicembre 2019 - "La montagna in inverno" è una serata di formazione e informazione sul cambiamento climatico aperta a tutti e organizzata dalla Società Alpina Friulana. Un evento che si terrà domani alle 20.30 nella sede della SAF in via Brigata Re 29 a Udine. Gli esperti Renato Colucci e Daniele Moro faranno chiarezza su come il riscaldamento globale in atto incide sul manto nevoso e quali trasformazioni si possono prevedere nel futuro prossimo.

Cambia il clima e cambia anche la montagna. Il riscaldamento globale è una realtà pur in presenza di forti nevicate, e oggi la sicurezza la montagna dipende anche da nuovi avvenimenti climatici, di cui si deve tenere conto. I relatori sono fra i massimi esperti sul tema: Renato R. Colucci, glaciologo e studioso del Cnr nel gruppo "Clima e Paleoclima" all'Istituto ISMAR di Trieste, nonché vicepresidente dell'Unione meteorologica del Friuli Venezia Giulia, e Daniele Moro, dal 2015 coordinatore della Struttura stabile centrale regionale per la prevenzione del rischio da valanga, in sostanza colui che ogni giorno stila il bollettino nivo-meteo nel quale sono riportati i gradi di pericolo dei vari luoghi montani del Friuli Venezia Giulia.

Sarà anche proiettato in prima assoluta a Udine il documentario "Neve e valanghe", un film di 30 minuti dedicato a informare sui metodi di previsione e sulle principali emergenze. Il video è stato realizzato dall'ufficio stampa e comunicazione della Regione con Aineva (Associazione interregionale neve e valanghe con sede a Trento) e l'introduzione di Luca Mercalli.

Fonte: SAF

Segnala questo articolo su:


Torna indietro