Il corso CAI per gli insegnanti a Falcade diventa uno spot delle Dolomiti e delle corretta formazione dei giovani

Il CAI Veneto ha pubblicato su Youtube sei minuti di immagini, girate anche con il drone, che raccontano le giornate sui sentieri del settembre scorso, con docenti provenienti da tutta Italia.

Un frame del video

31 gennaio 2019 - “Le Dolomiti sono una realtà straordinaria, dove pareti, canaloni, creste si susseguono con una originalità e un modo di esprimere forme e realtà strutturali che non è possibile trovare in altri luoghi al mondo”.

Inizia con le parole del direttore tecnico del corso Gianni Frigo il video, lungo circa sei minuti, che racconta il 35° Corso di formazione CAI per docenti, organizzato a Falcade (BL) lo scorso settembre da CAI Veneto, Comitato Scientifico Veneto Friuliano Giuliano e Sezione di Agordo.

Le immagini, davvero emozionanti, sono state registrate il venerdì dal regista italo-francese Luca Bergamaschi (anche con l'impegno del drone) e il sabato da Tita Zampieri, reporter della Fondazione Dolomiti Unesco.

“Non è stato possibile inserire tutto il lavoro svolto e tutte le persone che vi hanno lavorato, ma nell'insieme, sia pure parziale, mi sembra si possa cogliere lo spirito e il significato dell'esperienza proposta agli insegnanti”, afferma il responsabile del progetto CAI-Scuola Francesco Carrer (che è anche presidente del CAI Veneto).

Nel video sono riportate le parole, direttamente dai sentieri, dei sopracitati Frigo (“il focus del corso è sono state le Dolomiti Patrimonio Unesco e le motivazioni che hanno portato alla nomina”) e di Carrer che ben riassume lo scopo dei corsi che il Club alpino organizza per i docenti: “vogliamo portare gli insegnanti a vivere un’esperienza diretta di conoscenza, in modo che, a loro volta, si rendano protagonisti di analoghi momenti a contatto con l’ambiente insieme agli studenti. L’obiettivo del Club alpino è infatti quello di avere domani dei cittadini consapevoli del patrimonio collettivo e capaci di difenderlo conoscendolo”.

Spazio anche alle voci degli insegnanti, provenienti da tutta Italia (isole comprese), che hanno apprezzato la capacità deglo organizzatori di creare sinergie tra materie completamente diverse tra loro.

Con queste iniziative, conclude il direttore scientifico del corso Mauro Pascolini, vogliamo aiutare i ragazzi a “leggere i luoghi in cui si trovano”.

Il video è visualizzabile qui sotto.

Red

Segnala questo articolo su:


Torna indietro