Il Family CAI riparte anche a Parma

Tante e varie le proposte del 2019, sia come attività (neve, sentieri, bicilcetta, arrampicata e grotta) sia come luoghi (dalle Alpi all’Appennino centrale). Novità l’organizzazione per la prima volta sull’Appennino del Raduno Family CAI.

9 gennaio 2019 - Anche quest’anno è tempo di Family CAI alla Sezione di Parma, la quale propone ai suoi associati un programma di escursioni, con cadenza mensile, rivolto alle famiglie con bambini che si vogliono avvicinare alla montagna a “piccoli passi”.

L'idea è come sempre quella di organizzare delle escursioni in giornata dove i bambini, di età compresa tra i 4 ed i 12 anni, possano camminare per sentieri e divertirsi in compagnia con la famiglia incontrando nuovi amici.

Gli itinerari vengono scelti a “misura di bambino” con uscite varie in montagna, sempre a contatto con la natura e con l'intento di riscoprire sentieri facili ma piacevoli anche per i “grandi”.

Anche nel 2019 il programma del Family CAI è ricco e pieno di sorprese per tutti, con gli scarponcini dei bimbi che toccheranno i sentieri dalle Alpi all’Appennino Centrale, passando per le Apuane: si andrà dalle attività sulla neve (polentata in Appennino e slittata in Val di Funes), alle prime arrampicate sul Lago di Garda, dall’uscita in bicicletta in Val Sugana all’avventura sul tratto umbro del Sentiero Italia, fino ad arrivare alle ormai classiche Olimpiadi, alla tendata (sempre in Appennino), alla castagnata in Lunigiana e alla visita in grotta sulle Apuane.
Confermato per il secondo anno il Baby CAI (per bambini dagli 0 ai 6 anni), con attività ludico-educative nel Parco del Taro dove la Sezione gestisce un'area naturale nella zona del Sentiero delle Farfalle.

Grande novità l’organizzazione a settembre della terza edizione del Raduno Family CAI, magnifica giornata ideata dai gruppi Family delle Sezioni lombarde, che per la prima volta vierrà ospitata sull’Appennino emiliano.

Anche quest'anno Le iniziative proposte sono finalizzate a far riscoprire al nucleo famigliare l'esperienza della montagna. Un luogo alle volte visto con ostilità dalle famiglie in quanto non sempre i genitori si "arrischiano" ad affrontare la montagna con i più piccoli. "Con il nostro percorso facciamo aumentare il livello di affidamento e conoscenza dell'ambiente montano, trasformandolo da "apparente" ostile ad amico. Le diverse esperienze ludico motorie in realtà nascondono sempre un forte connotato educativo e culturale", afferma il coordinatore Fabrizio Russo (Consigliere Centrale CAI).

Il primo appuntamento del programma è previsto per domenica 20 gennaio a Tellaro (SP), con l’escursione denominata “Tellaro e i suoi pirati”.

Per partecipare è richiesta l'iscrizione al CAI da parte di almeno un componente della famiglia.
Le quote di iscrizioni sono particolarmente agevolate per le famiglie numerose. Dal secondo figlio la quota giovane è ridotta a € 9,00.

Per info contattare il coordinatore Fabrizio Russo - mail familycaiparma@gmail.com cell.335 5366378.

Red

Segnala questo articolo su:


Torna indietro