Il “Terzo Paradiso” al Polo Sud: grazie a Cavalli, Sanguineti e Dell'Agnola ora è una “via”

Gli alpinisti della spedizione del Cai, hanno dedicato la salita al Gateway Ridge, sulla Anverse Island, al segno disegnato dall'artista biellese Michelangelo Pistoletto e diventato simbolo di Biella Città Creativa Unesco.

28 gennaio 2020 - Quindici giorni dopo la realizzazione di una nuova via d’arrampicata sul Mucrone (montagna simbolo delle alpi Biellesi), che la guida alpina Stefano Perrone ha voluto dedicare all’Unesco, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura che a novembre ha proclamato Biella come “Città Creativa” e a dicembre ha inserito l’alpinismo nell’elenco dei beni culturali immateriali dell’umanità, arriva dall’Antartide la notizia che i tre alpinisti della spedizione promossa dalla sezione di Biella del Club alpino, tra loro Gian Luca Cavalli che della città laniera è originario, hanno aperto una via d’ascensione alla Gateway Ridge (Anverse Island).

La via (700 metri di sviluppo, di difficoltà AI5, M5) è stata battezzata “Terzo Paradiso” in onore del segno grafico del maestro Michelangelo Pistoletto assurto a simbolo proprio della “Città Creativa”.

I tre alpinisti, oltre a Cavalli il genovese Marcello Sanguineti e il bellunese Manrico Dell’Agnola, sono riusciti a mettersi in contatto con Biella. Oltre alla nuova via “Terzo Paradiso” hanno scalato una montagna ancora senza nome e mai salita in precedenza, dopo aver percorso un’altra via chiamata “Via della Seta”. Questa cima è stata battezzata “Cocoon” che significa bozzolo. Il nome della via e quello con cui è stata nominata la vetta non sono casuali.  I tre alpinisti, tutti accademici del Cai, hanno infatti testato, in questo mese di spedizione, il nuovo tessuto in pura seta realizzato dal lanificio Botto Giuseppe. La vetta “Cocoon” si trova sugli  Zeiss Needles nella Arctowsk Peninsula.

Inoltre hanno proseguito a raccogliere campioni di ghiaccio per una ricerca del Consiglio Nazionale delle Ricerche, coordinata dal professor Marco Vecchiato, volto a verificare il grado di contaminazione da microplastiche.

La spedizione, supportata dal Cai  centrale e dalla Fondazione Cassa di risparmio di Biella, con il patrocinio della Città di Biella, si avvia ora verso la sua conclusione. In questi giorni i tre compagni d'avventura, riattraversato lo stretto di Drake con la loro barca a vela, servita per circa un mese come punto d’appoggio, faranno rotta su Ushuaia e poi da lì in areo fino in Italia.

Andrea Formagnana

Segnala questo articolo su:


Torna indietro