In Alto Adige sulle tracce del beato Frassati

Si completa la rete dei sentieri inaugurata nel 1996

Il beato Frassati verso il Monviso

Il 18 e 19 agosto si corona il grande progetto dei Sentieri Frassati avviato nel 1996 dalla Sezione di Salerno del CAI. Ultimo della serie è il percorso dell’Alto Adige che viene inaugurato nel week end successivo a Ferragosto. Il programma è stato predisposto dal CAI Alto Adige. Il Sentiero Frassati dell’Alto Adige si aggiunge a quelli che in questi anni si sono sviluppati in 20 regioni in memoria di Pier Giorgio Frassati (Torino, 6 aprile 1901 – Torino, 4 luglio 1925) terziario domenicano, membro della Fuci e di Azione Cattolica, proclamato beato nel 1990 da papa Giovanni Paolo II.

IL PROGRAMMA prevede sabato 18 agosto a Bolzano il ritrovo presso il Palazzo del Comune o della Provincia di Bolzano con visita della mostra sulle Dolomiti. La presentazione del Sentiero Frassati dell’Alto Adige avverrà alla presenza dei familiari di Frassati, delle autorità locali, dei vertici del Club Alpino Italiano, della Giovane Montagna e dell’Azione Cattolica (associazioni di cui fu socio Pier Giorgio) e delle delegazioni di tutte le regioni d’Italia dov’è già stato inaugurato un “Sentiero Frassati”. Nel pomeriggio visita guidata del centro storico di Bolzano e del Museo Archeologico, dov’è conservata la  mummia “Ötzi”.

DURATA, DISLIVELLO. Domenica 19 agosto a Latzfons, la più grande frazione del Comune di Chiusa, taglio del nastro di partenza alle 6,45 e avvio dell’escursione inaugurale. Alle ore 12,30 è previsto l’arrivo al Santuario della Santa Croce di Latzfons (2311 m) dopo 4 ore di cammino con dislivello complessivo di circa 1200 metri. Una messa sarà celebrata dal vescovo di Bolzano-Bressanone monsignor Ivo Muser.

Link

www.sentierifrassati.org

www2.azionecattolica.it/arriva-anche-il-sentiero-frassati-alto-adige

 

Segnala questo articolo su:


Torna indietro