In cammino da Zafferana Etnea al Rifugio Citelli, lungo il Sentiero Italia CAI in Sicilia

Oltre 70 i partecipanti all'escursione organizzata dal Cai Sicilia, che hanno raggiunto i 1750 metri del rifugio (dislivello 1200 metri).

Un momento della giornata

7 ottobre 2020 - Oltre settanta escursionisti si sono avvicendati, domenica scorsa, lungo la tappa del Sentiero Italia CAI che va da Zafferana Etnea al Rifugio Citelli, sul versante orientale dell'Etna, in occasione di uno degli appuntamenti che il Gruppo regionale Sicila ha organizzato per promuovere e far conoscere il grande itinerario che unisce l'Italia.

Il primo gruppo di escursionisti, guidato dal Presidente del Cai Catania Umberto Marino, è partito da contrada Dagalone di Zafferana intorno alle 9 per arrivare già alle 15.30 al rifugio dopo aver attraversato i margini della Valle del Bove, in una calda giornata ancora quasi estiva. Alle Case di Pietracannone, nel comune di Milo, si è aggiunto un secondo gruppo che ha percorso le ultime 3 ore e mezza sino alla meta del giorno posta a 1750 metri di quota. Il tracciaato comprendeva anche l'antica via che serviva a raggiungere le neviere della zona. Il dislivello complessivo della tappa è di circa 1200 metri.

Lungo il percorso, il consigliere del Cai Sicilia, Giuseppe Riggio, ha ricordato l'importanza e il significato dei cammini di lunga percorrenza che offrono l'opportunità di conoscere realmente un territorio, lasciandosi prendere dal ritmo dei passi lenti.

Al termine della giornata, in uno spazio antistante il rifugio, si è esibito il cantastorie Alfio Patti, che ha coinvolto i presenti in un percorso di parole e musica attraverso la memoria degli usi e costumi siciliani.

Red

Segnala questo articolo su:


Torna indietro