La "Camminata della Spergola", tra le colline di Borzano e Scandiano (RE): escursionismo tra vigneti e cantine

Appuntamento il 20 maggio 2018 con le Sottosezioni Cai di Scandiano e Geb Cai Val d'Enza, la Sezione Cai di Reggio Emilia e la Compagnia della Spergola. Escursione di 3,30/4,00 ore, soste escluse, con dislivello 300 metri.

Il luogo dell'escursione

17 maggio 2018 - E' in programma il 20 maggio la seconda edizione della "Camminata della Spergola", una affascinante escursione sulle colline di Borzano e Scandiano, tra i vigneti da cui nasce un vino bianco sempre più apprezzato, la Spergola. L'iniziativa è organizzata dalle Sottosezioni Cai di Scandiano e Geb Cai Val d'Enza, dalla Sezione Cai di Reggio Emilia e dalla Compagnia della Spergola, con il patrocinio dei Comuni di Albinea, Bibbiano, Quattro Castella e Scandiano.

L'escursione parte dalla Cantina Casali a Pratissolo di Scandiano RE), fra le prime a credere nella possibilità di ricavare da questo vitigno autoctono un vino di alta qualità. Poco oltre la Cantina Casali si attraversa il podere della cooperativa sociale Lo Stradello, una delle prime e più avanzate esperienze di inserimento lavorativo delle persone con disabilità. In località Formica ci si addentra nei vigneti della Azienda Agricola Reggiana (azienda che, come tutte quelle si incontreranno lungo il percorso, fa parte della “Compagnia della Spergola), dove i proprietari ci accompagneranno per una breve visita. Un facile sentiero porta alla località Ca’ dei Duchi. Qui si risale la collina seguendo una bella carrabile che è parte dell’Anello di Ca’ del Vento (Sentiero Cai 614 e 604 A). Si sale costeggiando l’insediamento della Bellavista. Ad un bivio, si lascia l’Anello, per ritornare sul versante scandianese. In prossimità di Mattaiano (il cui nome continua ad essere circondato di un alone di leggenda, come luogo destinato ai sacrifici al Dio Giano), si tocca il punto più alto della escursione, 384 metri.

Su una bella e panoramica carraia in discesa (sentiero Cai 604a) si raggiunge il suggestivo complesso a corte di Figno. I fabbricati, ora in precario stato di conservazione, si articolano delimitando un vasto spazio centrale. Nel corpo adibito ad abitazione si inserisce una torretta colombaia del XVI-XVII secolo. Si riprende la carraia e poco prima del termine della discesa, su un panoramico pianoro, si incontra la Cantina di Aljano e il Castel Dondena, conosciuto anche come Casino Bagnoli: un pregevole complesso della seconda metà dell’Ottocento nello stile “neo-medievale”. All’interno conserva pregevoli affreschi di Cirillo Manicardi e Augusto Mussini, grandi pittori reggiani. Presso la Cantina di Aljano sarà allestito un punto di ristoro che permetterà di gustare alcune delle specialità tipiche della zona. Gli escursionisti, rifocillati, potranno riprendere il cammino: si torna sul sentiero 604 A per poi puntare verso il Tresinaro che si costeggia su un versante inedito. Giunti a Pratissolo si ritorna alla Cantina Casali.

L'escursione è di 3,30/4,00 ore, soste escluse, per un dislivello di 300 metri.

Info: Pietro Pioppi (334 3966000) e Maurizio Zini (3358270995) del Cai Scandiano, Sandra Boni del Geb Cai Val d'Enza (sandra_boni@libero.it), Cai Reggio Emilia (0522 436685, www.caireggioemilia.it).

CAI Reggio Emilia

Segnala questo articolo su:


Torna indietro