La Giornata Internazionale della Montagna dedicata alle donne al CAI Pordenone

Lo scorso 11 dicembre reading musicale "Intrecci al femminile" con voci narranti sulle donne che sulle montagne intrecciano le loro vite con gli affetti più cari e con se stesse. Il tutto accompagnato dalle note del Coro Polifonico “Città di Pordenone”.

Un momento della serata

14 dicembre 2018 - Una serata di "passione, divertimento, tristezza, amore”, con le note di brani quali Stelutis Alpinis e Signore delle Cime e con le parole, forti o leggere, delle nostre alpiniste, nella suggestiva cornice dell’Ex-Convento di San Francesco a Pordenone.

Il reading musicale Intrecci al femminile, evento organizzato dalla Sezione di Pordenone del Club Alpino in seno alla rassegna culturale “Sul filo di cresta”, per celebrare la Giornata Internazionale della Montagna, ha voluto fare un omaggio alle donne che sulle montagne intrecciano le loro vite con gli affetti più cari, con se stesse e che, sul filo di cresta” si riscoprono persone tra le persone.

Il nutrito pubblico ha ascoltato in attento silenzio le voci narranti di Caterina Comingio, Alessandra Menis e Grazia Pizzoli, accompagnate dalle note del Coro Polifonico “Città di Pordenone”, che hanno raccontato di una montagna che unisce, ma talvolta separa. Una cultura del confine, dove concetti come unione, separazione, senso del limite, desiderio di assoluto, riescono a trovare una sintesi precisa e allo stesso tempo contraddittoria, in quel luogo infinito e talvolta … indefinito, racchiuso nella parola «montagna».

Alle spalle della rappresentazione sono andate le immagini che celebravano la bellezza dei nostri boschi e, per contraltare, la devastazione che li ha colpiti a fine ottobre. Anche la selvaggia Val Cimoliana ha sofferto questa sorte. La strada che conduce al Rifugio Pordenone, la “casa in montagna” di tutti i Soci della Sezione, è stata quasi completamente distrutta dalla forza dell’acqua e del vento e non è più raggiungibile … per ora.

La Presidente della Sezione ha voluto ricordare che da parte di tutti ci si è già impegnati affinché l’attenzione resti alta e si possa operare con estrema concretezza per ripristinare quanto più presto possibile questa strada, porta verso le splendide Dolomiti Friulane, patrimonio dell’UNESCO.

Il successo dell’evento è stato possibile grazie alla collaborazione con Caterina Comingio del Teatro della Sabbia, con il Coro Polifonico Città di Pordenone, con la libreria Quo Vadis e con il Comune di Pordenone che ha concesso il patrocinio e la splendida location dell’Ex Convento di San Francesco. In sala era presente l’Assessore alla Cultura Pietro Tropeano, che ha ricordato la valenza culturale che un evento come quello di ieri sera rappresenta per tutta la comunità.

CAI Pordenone

Segnala questo articolo su:


Torna indietro