La green economy nella regione appenninica: due giorni di scambio di buone pratiche all'Università di Camerino

Il CAI patrocina la due giorni di oggi e domani. In programma, inoltre, la firma della Carta per l'Adattamento locale ai Cambiamenti Climatici da parte di alcuni Comuni e dalle Regioni Marche e Abruzzo.

22 maggio 2018 - Al via una due giorni d'Appennino sulla Green Economy promossa da Università di Camerino e Accademia Europea di Bolzano – Eurac Research, in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare – Delegazione italiana in Convenzione delle Alpi.

In programma incontri e dibattiti per confrontare idee e avviare dialoghi con esperti, imprese e ricercatori sul tema della economia sostenibile nella regione appenninica. E toccando il tema della sostenibilità ne derivano le altre componenti ambientale e sociale.

La Conferenza si articola infatti  in tre sessioni: Green economy e risorse naturali; Green economy e politiche pubbliche; Green economy, finanza, lavoro e imprese. Partecipano ricercatori ed esperti di numerose università e istituzioni di ricerca italiane la Commissione Europea, la FAO-Mountain Partnership, Ministeri, agenzie, istituti e enti nazionali, Agenzia per la Coesione Territoriale, ISTAT, ISPRA, CREA, CAI, Federparchi, Fondazione Symbola, Federbim, Confindustria, Gruppo Intesa San Paolo e altre organizzazioni, e sono coinvolti numerosi enti territoriali come i Comuni, le Regioni e i Parchi appenninici. E' prevista inoltre la firma della Carta per l'Adattamento locale ai Cambiamenti Climatici da parte di alcuni Comuni e dalle Regioni Marche e Abruzzo.  

Ci troviamo nell'Appennino centrale, zona tormentata dal terremoto e dall'inarrestabile sciame simico ed è prevista seguirà una mirata Tavola Rotonda attenta alle politiche e azioni per la ricostruzione post-terremoto.
Sarà anche utile accedere all'elenco di buone pratiche di green economy in aree montane, raccolta di  sia a livello nazionale che internazionale.

Il Cai è presente con patrocinio e logo, condividendo che ci si muova sulla scia di quanto nelle Alpi è stato fatto e ancora si sta portando avanti in materia di Green Economy (Sesta Relazione sullo stato delle Alpi "La green economy nella regione alpina", 2017) e seguirà attentamente i lavori (anche in vista del Congresso nazionale Cai-Tam del 20 e 21 ottobre a Fermo). Il Cai Tam ha precedentemente svolto le Giornate d'Appennino 2017 con l'Università di Camerino e il P.N. dei Monti Sibillini.

I GR Cai d'Area (Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo) sono attenti ai temi trattati con importanti ed efficaci proposte partecipate. Della conferenza ci interessa molto il "metodo" che è inclusivo e di raccordo tra osservatori e attori diversi, con una governance che superi localismo e interventi settoriali.

Filippo Di Donato
Presidente CCTAM del CAI

Segnala questo articolo su:


Torna indietro