"La montagna a casa" propone “Drømmeland” per la prima serata di questa domenica

La rassegna di cinema organizzata dal Cai ci porta in Norvegia insieme a un simpatico sessantenne, alla ricerca di un equilibrio tra rapporto con la natura e relazioni famigliari

17 maggio 2020 - “Drømmeland” è il film con cui si conclude questa settimana della rassegna “La montagna a casa”. Il film ci porterà lontano in Novergia. Una pellicola carica di ironia, in cui il sessantenne Nils cercherà un equilibrio tra la scelta di vivere come eremita in montagna e il bisogno di rimanere in contatto anche a distanza con la propria famiglia. Tema, quello della solitudine e delle relazioni a distanza, molto attuale in questa primavera difficile.

Il film sarà trasmesso alle 21 sul canale Youtube del Cai. Domani alle 17.30 la replica. “La montagna a casa” è una iniziativa del Club alpino italiano, in collaborazione con Sondrio Festival, Museo nazionale della montagna e Parco dello Stelvio. Per partecipare all’elenco ecco il link: https://www.youtube.com/watch?v=iR3joAso4SU

Se volete rivedere o ieri avete perso il film “Chogori. La grande montagna”, oggi alle 17.30 ci sarà una replica. Il link è il seguente: https://www.youtube.com/watch?v=StyGaAFZHuU

La scheda di “Drømmeland”
Regia: Joost Van Der Wiel
Paese: Paesi Bassi
Anno: 2019
Durata: 72 minuti
Sinossi: Fuggito dalla società per una vita da eremita in una piccola baita di legno sulle montagne norvegesi, con il suo cavallo Lettir come unico compagno, il sessantenne Nils condivide online la sua vita da sogno. Nonostante il tentativo di distanziarsi dal mondo, Nils infatti ha portato con sé il suo smartphone e deve confrontarsi con il bisogno impellente di mettersi in contatto con gli altri. Il documentario descrive e osserva con spietata ironia il modo in cui Nils cerca di trovare un equilibrio tra la comunione con la natura, sé stesso e la sua famiglia, esplorando la gestione delle relazioni a lungo termine e cercando di capire come e con chi siamo in grado di gestirle.

Red

Segnala questo articolo su:


Torna indietro