La partecipazione del CAI Vasto alla Giornata Nazionale degli Alberi

Nella località costiera il Club alpino locale ha donato ai 100 alunni delle scuole coinvolti dieci alberi prelevati i giorni precedenti da vivai forestali locali, piantumati nell'area messa a disposizione dal Comune.

La giornata di Vasto

28 novembre 2019 - E’ già da qualche anno che la Sezione del CAI di Vasto aderisce alla manifestazione della giornata dedicata agli alberi, anche se sul programma ufficiale è stata sempre chiamata “giornata ecologica” ed interessava la messa a dimora di alcune piante, la loro potatura e lo sfalcio con mezzi meccanici dell’erba spontanea, in un’area messa a disposizione dal Comune di Vasto nel quartiere popolare della zona 167.

Quest’anno, con il nuovo direttivo insediatosi da poco più di un mese e grazie al alla determinazione del nuovo presidente, da sempre impegnato per professione in iniziative divulgative nel settore agro-ambientale, la Sezione ha voluto essere ancora più visibile e incisiva dedicando la giornata del 21 novembre  a un incontro didattico–divulgativo con oltre 100 alunni delle scuole di Vasto che sono stati invitati a partecipare.

A questo giovanissimo pubblico il presidente Luigi Cinquina ha parlato dell’importanza non solo ornamentale degli alberi in città, ma del loro ruolo per migliorare la qualità dell’aria, grazie alla produzione di ossigeno e all’abbattimento della concentrazione di CO2 e di polveri sottili, per la conservazione e l’arricchimento in biodiversità dell’ambiente urbano, per la valorizzazione degli immobili, per il contenimento delle temperature estive, grazie all’ombreggiamento delle chiome, per il profumo dei fiori e per la bellezza del fogliame.

Ha inoltre sottolineato quanto sia importante conoscere la tipologia delle specie quando esse vengono messe a dimora e prevedere quale può essere l’ingombro delle piante mature al fine di evitare quello che purtroppo spesso succede cioè quegl’interventi drastici di riduzione delle chiome che alterano irrimediabilmente il valore estetico degli alberi e il loro equilibrio fisiologico: una potatura mal eseguita modifica la struttura della pianta alterando la produzione di sostanze prodotte dalla stessa pianta e che ne regolamentano la crescita.

Gli alunni hanno manifestato vivo interesse e sono stati quindi invitati a mettere a dimora 10 alberi donati dal CAI di Vasto e prelevati nei giorni precedenti da vivai forestali locali. Sono state infine offerte alle scolaresche foglie e frutti autunnali di specie autoctone (acero campestre, olmo, roverella, cerro, sanguinello, berretta del prete, ornello, ghiande di leccio, galle di parassiti su roverella) raccolte il giorno prima, con l’invito a realizzare un erbario di piante spontanee, arbusti ed alberi delle nostre zone. Un erbario il cui valore didattico può essere di grande importanza, sia ai fini di un approfondimento della botanica sia, soprattutto, per sensibilizzare i più giovani alla ad avere cura per la natura, oggi sempre più minacciata nella sua integrità.

Gli insegnanti hanno molto apprezzato tale iniziativa e chiesto che venga prestata consulenza a scuola nelle prossime settimane e mesi, sia per l’erbario che per un progetto di un giardino all’interno della scuola dove magari svolgere la Festa Nazionale dell’albero il prossimo anno.

Alla giornata sono stati invitati e sono intervenuti anche l’assessore alle Politiche Ambientali e del Territorio e alle Politiche Giovanili e l’assessore all’Istruzione, all’Innovazione e alle Politiche Comunitarie del Comune di Vasto, ai quali il presidente Cinquina, ringraziandoli per la partecipazione, ha espresso la necessità e l’urgenza di approvare il regolamento del verde pubblico. A tale documento lo stesso presidente Luigi Cinquina ha lavorato in prima persona nella stesura della parte tecnica del testo che disciplina, tra l’altro, la scelta delle specie da mettere a dimora in città, gli eventuali trattamenti antiparassitari e soprattutto la tanto discussa potatura, che le amministrazioni comunali sottovalutano nell’importanza, affidandola a ditte spesso non specializzate che danneggiano l’estetica degli alberi e degli arbusti privando la collettività della bellezza ornamentale che le piante offrono.

La giornata si è conclusa con grande soddisfazione di tutti i partecipanti e con l’impegno da parte degli Amministratori locali di istituire a breve un tavolo tecnico con le associazioni ambientaliste della città, in primis con il CAI, per la valutazione del documento che è in fase di rielaborazione conclusiva.

Comunicato della Sezione CAI di Vasto

Segnala questo articolo su:


Torna indietro