La preparazione dei volontari CNSAS si è mostrata al CAI Chivasso

Sala affollata per la proiezione del film "senza possibilità di errore", con interventi sull'impegno e la formazione che i volontari devono avere per sapersi muovere in sicurezza nei vari ambienti montani e non solo.

Un'immagine della serata

22 maggio 2018 - Si è tenuto venerdì sera nel salone della Croce Rossa un incontro organizzato dal CAI di Chivasso. E' stato proiettato il documentario "Senza possibilità di errore", un film del regista Mario Barberi che narra la professionalità, la preparazione e la dedizione che i volontari del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico mettono al servizio di chi si trova in difficoltà in montagna e in grotta.

Ci vogliono grande preparazione e professionismo per far parte del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico. Costanti esercitazioni e un'organizzazione rigorosa per ridurre al minimo l'errore che potrebbe mettere a rischio la missione e la vita stessa dei soccorritori.

Mario Sachero responsabile della XII delegazione canavesana e le Guide Alpine Marco Appino e Roberto Coggiola oltre a presentare il film hanno illustrato l'attività, descrivendo il notevole impegno per la preparazione e la formazione che i volontari devono avere per sapersi muovere in sicurezza nei vari ambienti montani e non solo.

Molte le domande del numeroso pubblico, stimolate dal film avvincente ed emozionante che si è concluso con le immagini della tragedia di Rigopiano dello scorso anno nella quale sono stati impegnati anche volontari canavesani. Nel corso della serata è stato anche ricordato il montanarese Daniele Bagni, recentemente scomparso per un male incurabile, egli è stato uno valido e stimato volontario del Soccorso Alpino nonché Istruttore di Alpinismo della Scuola "Piersandro Muzio" del CAI di Chivasso.

CAI Chivasso

Segnala questo articolo su:


Torna indietro