La Rete escursionistica sarda è realta: convegno e due escursioni nella giornata "In cammino nei Parchi"

Sabato 12 maggio 2018 a Cagliari si è tenuto il convegno di Agenzia Forestas e CAI Sardegna su sviluppo, valorizzazione e e gestione della rete. La domenica tutti sui sentieri del Parco 7 Fradis, bimbi compresi.

Grandi e piccoli in cammino

21 maggio 2018 - Terzo seminario dedicato alla sentieristica in Sardegna, con l’Agenzia Regionale FoReSTAS e il CAI, in occasione della 18^ Giornata nazionale dei Sentieri e della 6^ Giornata “In cammino nei Parchi”.
La manifestazione, finanziata dal progetto “Intense” (programma Interreg Marittimo Italia – Francia), si è articolata su due giornate, con un seminario, svoltosi a Cagliari sabato 12 maggio, e due escursioni, il giorno successivo, guidate dagli accompagnatori della Sezione CAI di Cagliari nelle foreste demaniali del Parco 7Fradis (Settefratelli) in territorio di Sinnai.

Il seminario, intitolato “La Rete Ciclo-Escursionistica ed ippoviaria della Sardegna (R.E.S.) è realtà: ora lavoriamo per svilupparla, gestirla, valorizzarla”, è stato organizzato dall’Agenzia regionale FoReSTAS e dall’OTTO Sentieri e cartografia del CAI Sardegna, in collaborazione con la FIAB Sardegna e col patrocinio dell’Ente Parco naturale regionale Molentargius–Saline. Quest'ultimo ha messo a disposizione la sala per il convegno, nell’edificio “Sali scelti”, ha offerto il noleggio gratuito delle biciclette e la visita guidata sul sentiero del Colubro “Ferro di cavallo”, per una pedalata ed una breve escursione all’interno del Parco, a conclusione del seminario di sabato.

La giornata seminariale ha rappresentato, come nelle precedenti due edizioni, un momento di riflessione e di confronto informale, aperto e partecipativo e, al contempo, di approfondimento sui passi avanti fatti nel settore della sentieristica, del ciclo-escursionismo, della mobilità ciclistica, del turismo equestre ed in generale del turismo attivo, per fare il punto sui tanti progetti, le innovazioni normative, i problemi aperti, gli attori in campo.
La segreteria del convegno ha registrato circa 120 partecipanti, con l’intervento di autorità politiche, associazioni, operatori del settore e semplici appassionati.

Il seminario ha avuto inizio alle ore 10.00 con i saluti dell’Amministratore Unico dell’Agenzia Forestas Prof. Giuseppe Pulina, della D.ssa Luisanna Massa per il Comune di Cagliari e delegata del Direttore del Parco di Molentargius - Saline, del Dott. Maurizio Cattani, membro del Consiglio Centrale CAI e delegato del Presidente Generale, del Dott. Pierfrancesco Boy, Presidente della Sezione CAI di Cagliari, dell’Assessore all’ambiente del Comune di Sinnai Bebeto Olla, dell’Assessore regionale al turismo D.ssa Barbara Argiolas.
I lavori, introdotti dall’Ing. Alessio Saba e dall’Avv. Alberto Atzori dell’Agenzia Forestas, hanno visto gli interventi nell’ordine di:
- D.ssa Cecilia Fassò - Responsabile dell’Ufficio tecnico del Servizio territoriale di Cagliari dell’Agenzia Forestas - che ha descritto l’esperienza dei recenti lavori di ripristino della Rete Escursionistica del compendio forestale dei Settefratelli e la storia più che secolare di quella foresta demaniale;
- Maurizio Cattani – Consiglio Centrale CAI – che ha descritto ai partecipanti cos’è il Sentiero Italia e quali sono i lavori da fare per recuperarne il tracciato in Sardegna e in Italia;
- Giorgio Argiolas – responsabile dell’Organo tecnico regionale Sentieri e cartografia del CAI Sardegna – che ha esposto i criteri tecnici e le modalità per l’inserimento dei sentieri nel catasto della R.E.S. ed i vantaggi che ciò porta anche ad un turismo ambientale sostenibile;
- Francesco Pia – responsabile della Commissione ciclo-escursionismo della Sezione CAI di Cagliari – che ha evidenziato le peculiarità della pratica del ciclo-escursionismo secondo lo “stile CAI” e le regole di comportamento del nostro codice di autodisciplina, per il massimo rispetto dell’ambiente e degli altri suoi fruitori;
- Prof. Ing. Italo Meloni – Università di Cagliari – che ha presentato il progetto della Rete Ciclabile Regionale per il cicloturismo su strada e le sue interconnessioni e collegamenti con le reti escursionistiche della Sardegna;
- Dott. Salvo Manca – presidente dell’ASTE Associazione sarda turismo equestre – che ha descritto la rete delle ippovie della Sardegna;
- Ing. Alessio Saba – Funzionario di Forestas – che ha esposto alcuni aspetti più significativi della bozza di Regolamento regionale recante il “Piano per l’istituzione e la gestione della RES”, attuativo della L.R. n. 16/2017, recante “Norme in materia di turismo” ed istitutiva della Rete Escursionistica della Sardegna;

Dopo la pausa pranzo, i lavori sono ripresi alle 15.00, con la proiezione di un emozionante film documentario su un cammino di più giorni in Supramonte, sui sentieri del “Selvaggio Blu”, realizzato dall’Associazione àndalas de Amistade Trekking, che si occupa di montagna-terapia in collaborazione con l’Azienda Sanitaria di Sanluri (CA), con la presenza in sala dei protagonisti/pazienti.
Si è proseguito quindi con gli interventi in programma:
- Dott. Nicola Pitzalis, Psicologo, Istruttore di Speleologia e responsabile delle attività di montagna-terapia della Sezione CAI di Cagliari, ha descritto come l’escursionismo e la frequentazione della montagna possano avere una valenza come terapia medica;
- D.ssa Lucia Carmela Carreras, Operatore nazionale TAM della Sezione CAI di Cagliari, ha parlato del valore naturalistico, storico e culturale dei sentieri;
- Carlo Taccori, Presidente CNSAS Sardegna, ha trattato il tema della sicurezza e prevenzione degli incidenti in montagna;
- Ing. Eva Lorrai, CRS4 Sardegna, ha presentato le attività finanziate dal progetto “Intense” (programma Interreg Marittimo Italia – Francia);
- Virgilio Scanu, presidente FIAB Sardegna, ha infine parlato dello sviluppo della ciclabilità nel Parco di Molentargius e nell’area metropolitana di Cagliari.

È seguita una Tavola rotonda con interventi dei partecipanti che hanno mostrato un vivo interesse per le tematiche affrontate e per una loro rapida realizzazione, con azione sinergica di tutti gli attori coinvolti.
Alla chiusura del convegno è stata organizzata una pedalata nel parco, condotta da Virgilio Scanu, ed una escursione a piedi lungo il “sentiero del Colubro” a cura del personale qualificato del Parco.

Nella seconda giornata della manifestazione, domenica 13 maggio, le escursioni guidate dagli accompagnatori della Sezione CAI di Cagliari sui sentieri del Parco 7 Fradis, hanno rappresentato una sorta di inaugurazione della rete sentieristica di quel compendio forestale, recentemente ripristinata secondo gli standard della segnaletica del CAI, grazie agli interventi del personale dell’Agenzia Forestas, con il supporto degli esperti dell’organo tecnico Sentieri e cartografia del CAI Sardegna e della Sezione CAI di Cagliari.

Hanno partecipato Soci CAI delle Sezioni di Cagliari e di Sassari, personale dell’Agenzia Forestas e numerosi amanti dell’escursionismo, per un totale di un centinaio di persone, che hanno camminato lungo due percorsi ad anello, uno più lungo ed uno più breve per le famiglie che frequentano le attività dell’Alpine Baby Club della Sezione CAI di Cagliari, con il più piccolo partecipante alla manifestazione, di poco meno di due anni di età.

È stata l’occasione per ammirare la foresta demaniale, area di grande valore storico, naturalistico e paesaggistico tra le più estese e meglio conservate della Sardegna, in un periodo particolarmente rigoglioso, con scorci su Punta Sa Ceraxa, Bacu Malu e le altre cime dei Settefratelli, e su Perda Asub’e Pari, maestoso monumento naturale di granito, camminando tra i lecci, le sughere, i corbezzoli e le eriche di Bruncu Mastinarxius, Sedda de sa Scova, Arcu sa Spina e Monte Arrubiu e tra le cascatelle ed i laghetti del Riu Monte Cresia e Riu Maidopis, finalmente ricchi di limpide acque dove i bambini hanno immerso, divertiti, i loro piedi.

Pierfrancesco Boy
Sezione CAI Cagliari

Segnala questo articolo su:


Torna indietro