Cai Marostica: conoscere il territorio con gli speleologi

Il programma 2020 prevede un’intensificazione delle attività con tante proposte di uscite per approfondire gli aspetti naturalistici

28 febbraio 2020 - Le montagne vicentine sono un territorio di grotte. Vi si contano migliaia di cavità carsiche ed è proprio alla loro presenza che sono riconducibili buona parte delle forme e delle dinamiche del paesaggio esterno. Da sempre il Gruppo Speleologico CAI Marostica I Barbastrji porta avanti una didattica continua tutto l’anno per far conoscere questo mondo a chi non è speleologo. Organizza quindi escursioni didattiche, open day, corsi, stage e serate divulgative.

Il programma 2020 prevede un’intensificazione delle attività. Proposte anche uscite escursionistiche-speleologiche finalizzate non solo ad avere un primo approccio con la speleologia, ma anche a comprendere gli aspetti naturalistici del territorio esterno e come essi siano necessariamente interconnessi con i sistemi sotterranei. Sono così in programma delle “camminate speleologiche”.

Il programma prevedrà anche uscite prettamente speleologiche alle grotte locali. In particolare quelle di Marostica che il Gruppo dei Barbastrji ha rivalorizzato, trasformando grotte dimenticate in un vero e proprio laboratorio didattico. Fra aprile e giugno è previsto un ciclo di lezioni teoriche dal titolo: “Un territorio di grotte”. Un percorso rivolto a tutti gli appassionati di montagna, speleologi e non.

Nel periodo estivo sarà possibile partecipare alle attività esplorative del gruppo e a specifici eventi di formazione sulla progressione speleologica in corda. Il programma continuerà in autunno e in inverno dove sono previste altre uscite didattiche per neofiti: uno stage di avvicinamento alla speleologia, un’escursione geologica e serate divulgative.

Verranno anche trattati i temi relativi all’inquinamento delle falde acquifere e alla vulnerabilità dei sistemi carsici. Continueremo a portare avanti il progetto Buio sporco elaborato proprio dal Gruppo speleo marosticense. Negli ultimi anni questo gruppo ha documentato con incredibili foto gli abissi usati come discariche nell’Altopiano di Asiago.  
Per tenersi aggiornati su tutti gli eventi in programma è possibile consultare il sito: www.speleologia.biz

Valentina Tiberi

Segnala questo articolo su:


Torna indietro