“Le strade della Montagna: Corniglio e il suo territorio”: serata culturale al CAI Parma

Il 16 marzo 2017 la viabilità storica dell'Alta Val Parma sarà al centro del secondo appuntamento di “La Montagna e la Duchessa”, progetto celebrativo el secondo centenario dell’ingresso di Maria Luigia d’Austria nel ducato di Parma e Piacenza.

Cartina storica Appennino parmense

15 marzo 2017 - Si terrà giovedì 16 Marzo alle 21.00 presso la sede del Club Alpino Italiano Sezione di Parma la seconda serata del progetto “La Montagna e la Duchessa”, promosso da Parchi del Ducato, insieme al CAI Sezione di Parma (capofila), all'Archivio di Stato di Parma, a Comune di Corniglio e Parco nazionale dell'Appennino Tosco Emiliano.
Intervengono i professori Carlo Alberto Gemignani e Davide Papotti dell'Università degli Studi di Parma, che presenteranno gli aspetti salienti della viabilità storica dell’Alta Val Parma.

La proposta culturale nasce nell’ambito delle celebrazioni del secondo centenario dell’ingresso di Maria Luigia d’Austria nel ducato di Parma e Piacenza. La duchessa austriaca ha lasciato un segno tangibile nella cultura della città di Parma; la “Buona duchessa”, così viene ricordata, arrivò in città nel 1916 e vi rimase fino alla morte. Durante la sua vita compì numerosi viaggi in Appennino: furono non solo viaggi di piacere, momenti di svago lontano dal cerimoniale di corte, ma anche di conoscenza del territorio e del modo di vivere dei suoi abitanti.

L’intento di questo progetto è quello di far luce su un aspetto toccato marginalmente dalle iniziative del bicentenario, focalizzando l’attenzione sulle zone montane del Cornigliese, percorse dalla duchessa nei suoi viaggi, attraverso l’analisi in particolare della viabilità storica dell’Alta Val Parma, delle salite per diporto al Lago Santo e del castello di Corniglio.

Dallo studio delle fonti conservate presso l’Archivio di Stato di Parma è scaturita inoltre la possibilità di un’esposizione, che sarà inaugurata ad aprile, in grado di recuperare avvenimenti storici, dimenticati o ignorati, e di valorizzare oltre al patrimonio archivistico anche quello paesaggistico del territorio sulla scorta di materiale documentario, cartografico e fotografico, in gran parte inedito.

L’incontro è gratuito e aperto a tutti, soci e non soci.

CAI Parma

Segnala questo articolo su:


Torna indietro