"Montagna che unisce": oltre 100 escursionisti a Punta Lamarmora con il CAI Nuoro

Domenica 13 maggio 2018, come da tradizione, i sindaci dei comuni di montagna della zona hanno camminato verso la croce di vetta, insieme agli escursionisti, tra cui tanti bambini.

I sindaci in vetta

14 maggio 2018 - Montagna aggredita o accarezzata. Ieri mattina, sole e nubi rade, comitive colorate salgono ai 1834 metri, dai vari versanti, su sentieri scoscesi di scisto e prati verdi. Oltre cento, organizzati dal CAI Nuoro e dai comuni della montagna, arrivano, volti tesi dalla fatica, i bambini, tanti, dondolanti, con gli zaini.

I sindaci in prima fila, da Andrea Soddu, a Marco Melis di Arzana, Daniela Falconi di Fonni, Gigi littarru di Desulo, Franco Saba da Ottana. Hanno toccato punta Paolinu, gola Pirincanis, punta e Genna Orisa, rio e su Saccu, Perdas Crapias , punta Lamarmora. Ha accolto tutti la grande croce in acciaio. “Per noi - dice il presidente del CAI Nuoro Matteo Marteddu - parlano le pietre di scisto e le valli ricche d’acqua, oggi. Il brand, marchio Nuorese-Ogliastra  è inutile cercarlo altrove. E’ qui”.

Ai sindaci la soddisfazione di veder tanta gente attorno alle loro montagne. Marco Melis, sindaco di Arzana: “è qui il nostro futuro. Orizzonte che ci  rafforza e ci porterà lontano”. Andrea Soddu, Nuoro: “unità attorno alla montagna. Qui il senso anche del nostro impegno di amministratori”. Peppe Loi, sindaco di Villagrande: "questa è un'area di valore per tutta la Sardegna. Da qui partono le generazioni nuove per lo sviluppo". Cosi Daniela Falconi, Fonni, e Gigi Littarru, Desulo, richiamando l impegno delle istituzioni: “la montagna non è ostacolo, non è barriera tra modernità e arcaismo. Il Gennargentu è oggi il nuovo che offre il cambiamento".

Presente Franco Saba, sindaco da Nuoa di Ottana, che dalla croce a 1834 mt ha portato la sua testimonianza delle ciminiere spente. Da tutti la decisione di voler incidere per il recupero del vecchio rifugio Lamarmora. Il piu anziano degli escursionisti era Zigheddu da Aritzo, 81 anni, la più giovane da Nuoro, 4 anni.

Rientro di pomeriggio, le nubi si addensano sopra il villaggio nuragico di Ruinas di Ruinas. Arriva immediata la proposta di Pierina Mameli, presidente regionale CAI: “dal 2019 vorremmo organizzare l'evento La Montagna che unisce in tutta la Sardegna”. Proposta accolta.

Matteo Marteddu
Presidente CAI Nuoro

Segnala questo articolo su:


Torna indietro