Montagna innevata: conoscere i pericoli per divertirsi con maggior sicurezza

La serata del 20 novembre è organizzata dalla Sezione CAI di Reggio Emilia, il Collegio Regionale Gude Alpine Emilia Romagna, la Scuola di alpinismo del CAI "Bismantova", il SAER, il Corpo Forestale dello Stato e Protezione Civile

La locandina della serata

"Montagna innevata: conoscere i pericoli per divertirsi con maggior sicurezza" è questo il titolo della serata organizzata per il 20 novembre al Centro Sociale Buco Magico, in via Martiri di Cervarolo 47 a Reggio Emilia.

Una iniziativa rivolta a tutti coloro che frequentano la montagna nel periodo invernale e primaverile in presenza di neve: alpinisti, sci alpinisti, fondisti, escursionisti con e senza ciaspole. L'incontro sarà utile per conoscere, valutare e programmare una uscita su neve; una seconda parte sarà dedicata all'analisi dei nuovi bollettini niveo-meteo.
L’iniziativa è organizzata dal Cai, in collaborazione con il Collegio Regionale Guide Emilia Romagna, la Scuola del Cai di alpinismo, scialpinismo e arrampicata libera "Bismantova", il Soccorso Alpino e Speleologico dell'Emilia-Romagna (Saer), il Servizio Valanghe Italiano del Cai, il Corpo Forestale dello Stato, la Protezione Civile dell'Emilia-Romagna e il Parco Nazionale del'Appennino tosco-emiliano.

"Tema centrale dell’incontro – spiega il presidente del Cai reggiano Massimo Bizzarri – sarà la prevenzione. Spiegheremo l’uso delle apparecchiature ed attrezzature tecniche adeguate (Artva, pala, sonda, abbigliamento), ma specialmente vogliamo sfatare la falsa convinzione dei tanti che si avvicinano alla escursione su neve, che trovandosi su un sentiero conosciuto e già percorso tante volte in estate, non vi siano pericoli. Il pericolo zero in montagna non esiste. Il solo fatto di muoversi su un terreno accidentato è fonte di rischio e se poi aggiungiamo il fattore neve si comprende che l’escursione deve essere preparata nei minimi particolari, proprio per limitare al massimo il rischio".

Comunicato CAI Reggio Emilia 

 

Segnala questo articolo su:


Torna indietro