Montagne per tornare a vivere: il progetto Libereinvetta al CAI SEM Milano

Giovedì 8 marzo 2018 presso la sede sezionale la presentazione del progetto che propone la frequentazione della montagna come mezzo a sostegno delle donne vittima della violenza di genere.

Un'immagine della mostra ideata nell'ambito del progetto

5 marzo 2018 - Il progetto Libereinvetta si presenta alla Sezione CAI milanese della SEM. L'appuntamento, curato dalla Commissione Scientifico Culturale sezionale, è in programma giovedì 8 marzo alle 21 presso la sede in piazza Coriolano, 2 a Milano (Sala Bramani).

Libereinvetta, ideato da tre giovani Socie CAI del Triangolo Lariano, ha visto la sua prima realizzazione nell'ottobre 2016 e rappresenta un'iniziativa a sostegno della lotta contro la violenza sulle donne. La montagna è vista come un luogo di emancipazione per tutte quelle che hanno vissuto o stanno vivendo la violenza di genere.

La frequentazione della montagna (dalla semplice escursione su un sentiero a una difficile via di arrampicata) vista come mezzo terapeutico dunque, in grado di offrire nuove prospettive per aiutare a capire la direzione da prendere per ripartire.

Oltre alle ideatrici del progetto (Priscilla Porro, Fabiana Gomba e Lara Codognotto) interverranno Luisa Busato ed Elena Colombo di Telefono Donna Lecco.

Red

Segnala questo articolo su:


Torna indietro