"Mountain - Hack": a Cime a Milano il primo hackathon della scuola italiana per lo sviluppo della montagna

L'11 e il 12 dicembre 2017 alla Statale 90 studenti lavoreranno insieme per immaginare nuovi modelli e soluzioni per favorire la crescita sostenibile dei territori montani. C'è tempo fino al 4 dicembre per iscriversi.

29 novembre 2017 - In occasione della giornata internazionale della Montagna 2017, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca promuove, sotto gli auspici della Presidenza Italiana del G7, Mountain- Hack, il primo hackathon della scuola italiana dedicato alla conoscenza della Montagna (Alpi e Appennini) come patrimonio da conoscere, difendere e valorizzare. Mountain-Hack sarà una maratona progettuale durante la quale 90 studenti, provenienti da tutte le Regioni italiane, con l’aiuto di mentori, esperti e ricercatori, lavoreranno insieme con l’obiettivo di immaginare nuovi modelli, soluzioni e prototipi in grado di favorire la sostenibilità e la crescita dei territori montani.

L’iniziativa si svolgerà l’11 e il 12 dicembre 2017 a Milano (Università degli Studi di Milano, Via Festa del Perdono, n. 7) e coinvolgerà studentesse e studenti delle scuole secondarie di secondo grado. Mountain-Hack si svolgerà nell'ambito della seconda edizione di CIME, un appuntamento nazionale dedicato alla ricerca e all'innovazione per le Montagne, promosso e organizzato da UNIMONT – Centro d’eccellenza a Edolo dell’Università degli Studi di Milano – e Club Alpino Italiano.

In linea con gli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, CIME 2017 intende stimolare e accelerare la competitività dei territori montani attraverso la ricerca, il networking e il coinvolgimento dei giovani.

Tutti i partecipanti dell’hackathon potranno assistere al primo lancio pubblico di Italian Mountain Lab, un progetto nazionale di ricerca e innovazione finanziato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca che prende spunto dall'esperienza consolidata di UNIMONT e che mette in rete l’Università degli Studi del Piemonte Orientale e l’Università degli Studi della Tuscia. In questa occasione verrà lanciata una piattaforma di “coordinamento” con l’obiettivo di creare nuovi ponti e nuove forme di collaborazione tra tutti gli “attori” della Montagna, nazionali e internazionali.

AVVISO PUBBLICO RIVOLTO A TUTTE LE SCUOLE SECONDARIE SUPERIORI D’ITALIA

Comunicato Università della Montagna

 

Segnala questo articolo su:


Torna indietro