Musei delle Dolomiti: 7 hashtag per raccontare il patrimonio UNESCO

Dal 24 febbraio al 12 aprile 2020, parte la prima edizione della campagna “DolomitesMuseum: 7 settimane in cui i musei delle Dolomiti saranno protagonisti di un racconto corale e diffuso sui social network

19 febbraio 2020 - Nel 2009, l’UNESCO ha designato le Dolomiti come patrimonio mondiale dell’umanità. Un patrimonio unico sia dal punto di vista paesaggistico che ambientale e geologico. Un territorio, quello dolomitico, che deve essere valorizzato e soprattutto comunicato. Per questo motivo, dal 24 febbraio al 12 aprile 2020, parte la prima edizione della campagna “DolomitesMuseum, 7 settimane in cui i musei delle Dolomiti saranno protagonisti di un racconto corale e diffuso sui social network che permetterà di scoprire, in rete, le tante sfaccettature del patrimonio dolomitico. 

Una narrazione fondata su sette hashtag: Si comincia con la settimana di Carnevale (dal 24 febbraio al primo marzo) con #mountainrites, per condividere le forme rituali che accomunano diverse vallate. Poi la settimana successiva (2 – 8 marzo) è il momento di #inclinedliving, per riflettere su come la pendenza ha influenzato la vita sul territorio. La terza settimana (9-15 marzo) sarà dedicata all’elemento che costituisce le Dolomiti: la roccia, con #handsinstone. In questo caso, tutti saranno invitati a condividere le storie racchiuse in un semplice sasso. Allo stesso tempo, si proseguirà con #crossthepass (16-22 marzo), un invito a condividere le storie dei passi dolomitici e riflettere su come è cambiata e sta cambiando la mobilità in montagna.

Nella quinta settimana (23-29 marzo), la campagna inviterà a riflettere sulla cultura sportiva utilizzando l’hashtag #sportsculture, con l’obiettivo di condividere racconti e testimonianze della storia degli sport nelle Dolomiti e dei suoi protagonisti. In seguito, il racconto prosegue con #differentimes (30 marzo – 5 aprile), con l’intento di aprire una riflessione sui diversi modi di vivere percepire il tempo nelle dolomiti. Infine, il tutto si concluderà la settimana di Pasqua, con uno sguardo al futuro: attorno all’hashtag #Dolomiteschange si raccoglieranno riflessioni e desideri di cambiamento attorno alle sfide che attendono questo territorio Patrimonio Mondiale. Per riflettere la varietà di lingue che caratterizza il territorio e per aprirsi a un pubblico internazionale, gli hashtag sono stati tradotti in 3 lingue: inglese, italiano e tedesco.

Red

Segnala questo articolo su:


Torna indietro