"Ottobrata" per il CAI Chivasso

Domenica scorsa al Rifugio Muzio premiati i Soci con 25, 50, 60 e 75 anni di iscrizione. L'Ottobrata fa parte della vita sezionale da oltre settant'anni.

Un momento della giornata

15 ottobre 2019 - Domenica al Rifugio Muzio di Ceresole Reale si è tenuta la tradizionale giornata dedicata alla premiazione dei soci che aderiscono al longevo sodalizio chivassese da 25, 50, 60 e 75 anni. Dopo la messa officiata dal salesiano Don Vincenzo Marone nella cappelletta che sorge di fianco al rifugio il Presidente Mauro Basso, anch'egli tra i premiati, ha consegnato le "aquile d'oro" ai soci venticinquennali: tra i numerosi soci con 25 bollini sulla tessera anche Igor Tosso, il Direttore della Scuola di Alpinismo e Scialpinismo "Piersandro Muzio" e i due ultimi Past-President sezionali, Carla Nicola e Alessandro Ferrero Varsino.

Un particolare riconoscimento è stato consegnato ai soci cinquantennali: Clara Mariateresa, Leone Franco e Pesando Filippo. Hanno raggiunto i 60 anni di associazione: Conrado Piercarlo e Gorret Giuseppina, e l'invidiabile traguardo dei 75 le socie: Decaroli Aurora e Rigassio Francesca.

Dopo la premiazione, nel rifugio, gestito dai giovani e simpatici Giulia e Paolo, è stato servito il pranzo con l'immancabile polenta, il pomeriggio si è concluso con le caldarroste preparate nel cortile del rifugio.

Un appuntamento, quello dell'Ottobrata, che da oltre settant'anni segna la vita della Sezione che si sta avvicinando ai 100 anni di presenza in Città. Era infatti il 1922 quando fu fondata da una cinquantina di appassionati in maggioranza donne ed è per questo che l'allora segretario e poi Presidente Guido Muzio lo ribattezzò goliardicamente: Club di Cutin.

CAI Chivasso

Segnala questo articolo su:


Torna indietro